RICORDARE IL PASSATO PER NON CADERE NEGLI STESSI ORRORI. A CIVITANOVA IL LIBRO “L’ULTIMO LIED, LETTERE E POESIE DA THERESIENSTADT”

img_5119

Un 27 gennaio intenso, ricco di emozioni a Civitanova dove, presso la libreria Libriammare, si è svolta la presentazione di Rita Baldoni dell’opera “L’ultimo lied, lettere e poesie da Theresienstadt” durante la quale l’autrice ha ripercorso momenti molto commuoventi della sofferenza di una famiglia ebrea deportata e ha raccontato una straziante realtà a cui erano esposte non solo famiglie ebree, ma anche gli appartenenti ad etnie come gli zingari, persone con handicap fisici e psichici ed anche gli stessi omosessuali. Se oggi l’art. 3 della Costituzione sancisce l’uguaglianza di tutti i cittadini dinanzi alla Legge senza distinzione alcuna, questi momenti toccanti di memoria ci insegnano a non sottovalutare mai i focolai di odio e di violenza, a preservare l’esempio di tutti coloro che sono stati vittime della follia nazifascista e, con esso, i valori antifascisti della Costituzione. In un giorno così evocativo, è bene sottolineare con forza quanto espresso dall’art. 3 della nostra Costituzione, per poter rendere attuali quotidianamente i suoi valori e superare qualsiasi forma di discriminazione:
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
img_5118

img_5119

img_5120

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *