QUANDO LA VITA DIVENTA UN FARDELLO INSOPPORTABILE

suicida

Editoriale del dottor Vincenzo Luciani pubblicato nel giugno 2011

“Ognuno di noi, fin dal primo vagito, è alla ricerca di un proprio posto nel mondo. Non si tratta di un’impresa semplice, lo sappiamo. A volte, nonostante gli sforzi profusi, capita che questo posto non si riesca a trovarlo o ci si renda conto che non è quello che avevamo cercato. E’ di fronte a questa, ricerca, a volte vana, che possiamo smarrirci, smettere di sperare, rinunciare a lottare. La nostra anima sprofonda, allora, in una vertiginosa disperazione ed il mondo diventa impermeabile ad ogni significato. Continuiamo a vivere in mezzo agli altri ma a noi giunge solo l’eco lontana delle loro parole. Nulla riesce a lenire il nostro smarrimento e la nostra solitudine. Gli altri non se ne rendono conto ma noi siamo già ai margini del mondo. Il nostro interesse per le cose e per le persone, anche di quelle che più ci stanno a cuore, è svanito senza che ce ne accorgessimo. La nostra esistenza ha perso ogni senso ed è divenuta un fardello insopportabile. Ci si sente stranieri sulla terra e vivere è diventato soltanto sopravvivere. Così la morte ci appare non più un evento da tenere il più lontano possibile bensì un trapasso che assume le sembianze di un sonno ristoratore. La morte è allora non soltanto desiderata ma, addirittura, cercata perché non è più sentita un insulto alla nostra vita ma come ciò che ci libera da un’esistenza spogliata da ogni desiderio. Essa è vissuta come l’estrema possibilità di sottrarci ad un dolore esistenziale nei confronti del quale non abbiamo più uno scudo sicuro. Shakespeare s’interroga se: “… è peccato precipitarsi nella segreta dimora della morte prima che la morte osi venire a noi?”. A quest’enigma ognuno deve apportare la propria risposta. Dante, ad esempio, non sembra particolarmente indulgente nei confronti di chi si toglie la vita tanto da porlo, nel settimo girone dell’inferno, dentro un fiume di sangue bollente. Io credo che dovremmo, in ogni caso, portare rispetto per tutti coloro che non avendo più né sogni, né progetti, percorrendo sentieri a noi ignoti non riescono più a distogliere lo sguardo dalla morte e scelgono di continuare a vivere soltanto nel ricordo di chi li ha accompagnati per un tratto della loro esistenza.”

1 Response

  1. lore ha detto:

    Sono d accordo e vorrei approfondire il tema con chi vuole se puo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *