SUI QUOTIDIANI LOCALI DUE MODI DIVERSI DI RACCONTARE LA REALTÀ DI VITA VITA

Chi è abituato a leggere entrambi i giornali nostrani si sarà disorientato. Il resoconto della serata inaugurale di Vita vita svoltasi a Civitanova Alta sabato scorso sui due quotidiani non era proprio coincidente, anzi è sembrato che i due giornalisti avessero visto manifestazioni diverse. Il carlino ha riferito con evidente entusiasmo che “il vecchio centro si è animato come non mai fino a tarda notte”, mentre il Corriere precisa che “non ci è stato il pienone” tanto che il pubblico ha potuto gustarsi con tranquillità le proposte dislocate nei vari spazi.

Anche per l’iniziativa culinaria curata dalla Pro Loco della Città Alta, “La cozzata di Santo Maro”, si fanno valutazioni molto discordanti: per il carlino la serata “ha riempito per la seconda volta l’interminabile mensa allestita dalla Pro loco dove cozze e fritturine hanno deliziato tanti, insaziabili palati”. Il corriere prova al contrario a ipotizzare il motivo che ha reso scarsa la presenza del pubblico e lo individua nella “vicinanza con la festa del patrono svoltasi appena 24 ore prima che “non ha giocato a favore del grande pubblico”. Confermata questa valutazione, sui social, anche dagli stessi organizzatori, consapevoli della diversa qualità attrattiva tra la festa del patrono, appuntamento di tradizione che tra il concerto e i fuochi mobilita tutta la città, e una serata senza artisti di richiamo popolare.

L’aspettativa probabilmente era diversa, anche per le misure di sicurezza messe in campo in adempienza alle nuove direttive che prevedevano la presenza fino a un massimo di 3 mila persone, mentre erano 2 mila quelle per la festa del patrono. In realtà secondo coloro che hanno seguito la manifestazione nella sua interezza sono state in tutto circa 500, che giravano tra piazza e chiostri. Le foto questo documentano.

Una buona anteprima, adeguata alla proposta che non necessita di falsari di penna.

400 sedie in Piazza:
img_4108

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *