QUANDO I CECCHETTARI SI RIFIUTARONO DI FABBRICARE ARMI

Primo Maggio festa dei lavoratori. A Civitanova Marche particolarmente suggestiva e significativa è stata la testimonianza di Umberto Pancotto che è uno dei pochi cecchettari che sono rimasti in vita. Pancotto ha ricordato come la Cecchetti producesse armi e munizioni durante il periodo della guerra e anche successivamente ma il movimento operaio, che era moltoforte, una volta finita la guerra non volle più produrre armi tanto che il proprietario Cecchetti fece presente agli operai che non produrre le armi avrebbe significato una crisi per la fabbrica. Ebbene, gli operai ritennero che per un periodo avrebbero potuto non lavorare ma delle armi non volevano più saper nulla.
Una pagina di storia forse sconosciuta ai più ma significativa con gli operai, sabotatori di armi, pronti ad affrontare una fucilazione immediata da parte dei nazisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *