OSPEDALE UNICO PROVINCIALE A MONTECOSARO, PER LA SEDE NON PREVALGANO LOGICHE CAMPANILISTICHE

Né la conferenza dei sindaci (che si riunirà venerdì), né men che meno la Regione Marche, si sono in alcun modo ancora espresse in merito all’ubicazione dell’ospedale unico provinciale. Le notizie di stampa uscite in questi giorni provenienti dal capoluogo che vorrebbero accreditare come vincente una soluzione “maceratese” risultano quindi prive di fondamento.
Il Partito Democratico di Civitanova Marche ribadisce la necessità, già più volte affermata nei mesi scorsi, di individuare una soluzione non di campanile, ma che guardi allo sviluppo dell’intera provincia nei prossimi decenni.
Premesso quindi che in provincia di Macerata si parla impropriamente di “ospedale unico” vista la possibilità sancita dalla legge nazionale di mantenere il presidio delle aree interne “Camerino – San Severino”, è chiaro che si debba piuttosto parlare di “ospedale unico Macerata-Civitanova”; cioè di un plesso che accentri le funzioni finora espletate nei due nosocomi ora attivi, baricentrico rispetto a questi.
Ecco allora che, vuoi perché l’area è già di proprietà dell’ASUR (e viste le dimensioni necessarie e gli eventuali costi di acquisizione), vuoi per la vicinanza alla più grande arteria stradale di collegamento della provincia (la SS77), vuoi perché zona mediana tra le principali città della provincia e ai loro bacini di utenza, vuoi perché già “in nuce” la proposta è stata fatta non da un singolo ma da un gruppo di sindaci e quindi da un più ampio territorio, la scelta dell’area di Montecosaro sembra essere la più idonea a recepire i principi di sviluppo del territorio sopra esposti.
Se viceversa qualcuno intendesse perseguire solo ed esclusivamente scelte di campanile, allora rimarrebbe sempre forte la candidatura dell’attuale presidio di Civitanova, che anche qui per costi, per vicinanza alle arterie stradali, per bacino di utenza e per ampi spazi di sviluppo nell’area adiacente sarebbe di gran lunga preferibile alle altre opzioni in campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *