PD: MARCHE A RISCHIO ZONA GIALLA, ACCELELARE TERZE DOSI

“Auspichiamo che la Regione Marche
acceleri sulla somministrazione della terza dose di vaccino e non si faccia ancora una volta sorprendere dalla nuova ondata di Covid che rischia di riportare la nostra regione in zona gialla proprio in prossimita’ del Natale, vanificando cosi’ il grande lavoro svolto fino a oggi dal governo nazionale e dal
commissario straordinario Figliuolo”. Cosi’ il gruppo assembleare del Partito Democratico sulla quarta ondata di Covid che vede nelle Marche salire il numero dei contagiati. “Purtroppo – osservano i dem -, i dati non sono incoraggianti, ne’ quelli che riguardano i contagi, in costante crescita, ne’ quelli relativi
al numero dei vaccinati, che vedono le Marche agli ultimi posti sia per quanto concerne il ciclo completo che la
somministrazione della terza dose”. “In quest’ultimo caso – attaccano i consiglieri del Pd – crediamo vada sottolineato come abbia aiutato e continui a non aiutare l’atteggiamento
schizofrenico del presidente Acquaroli e dei suoi assessori, i quali, ancora oggi, non solo non hanno ancora dato un’esplicita indicazione ai cittadini affinche’ si vaccinino, ma continuano a
muoversi in quell’area grigia e torbida di non detto e ammiccamenti che consentono alle peggiori teorie negazioniste e No Vax di prosperare e diffondersi, con grave pregiudizio della
salute pubblica, dell’economia e del mondo scolastico. Basti pensare alle posizioni dell’assessora leghista Giorgia Latini, che da mesi si e’ posta come punto di riferimento istituzionale
dei movimenti No Green pass, nonostante il suo partito sostenga il governo nazionale che lo ha introdotto. La stessa che recentemente ha dichiarato di ritenere il vaccino raccomandabile
esclusivamente per gli over 60. Ecco, fosse stato per l’assessora Latini, voce particolarmente ascoltata dal presidente Acquaroli, oggi in Italia avremmo 16 milioni di vaccinati anziche’ 42. Crediamo che i marchigiani abbiano di che preoccuparsi” concludono i consiglieri regionali Pd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *