O AFFONDA IL PORTO DUBAI O AFFONDA IL SINDACO

Antonelli, ormai quasi quotidianamente, interviene per difendere a spada tratta il suo progetto sul mega porto. Ogni giorno un comunicato in cui o lui o i suoi consulenti danno indicazioni su come si deve procedere. Antonelli, nonostante le garanzie del sindaco, compie due errori tragici: la maggioranza dei consiglieri è contraria a questa cementificazione, pertanto è la maggioranza consiliare, vista la contrarietà manifestata da Fratelli d’Italia e da Vince Civitanova e avendo a favore i soli consiglieri di Forza Italia e della Lega. Il secondo tragico errore è che Antonelli non valuta l’inaffidabilità di Ciarapica (chiedere a Strever, Gabellieri, Giovannetti).
Infatti stiamo rivivendo quello che è successo con il parcheggio coperto al varco. Anche lì il sindaco era entusiasta, ma poi gli e’ mancata la maggioranza e ha dovuto fare marcia indietro. A 10 mesi dalle elezioni il suo unico prioritario obbiettivo è la ricandidatura (certamente ha anche altri interessi, ma questo della ricandidatura e’ prevalente su tutto). Perciò farà marcia indietro promettendo agli interessati, Strever e Antonelli, che tutto si farà dopo le elezioni. In giunta la questione non andrà perché significherebbe la spaccatura della maggioranza e si aprirebbe una crepa che metterebbe a serio rischio la sua posizione. Vedrete che Ciarapica dirà che era contrario, che era solo una proposta del privato e dirà tutto l’opposto di quello che ha fin qui sostenuto. Al porto c’è una targa che dice ”o Fra’ che te sa’ li milanesi“. Proprio vero, che te sa’ Viola o Antonelli dell’inaffidabilità di Ciarapica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *