MUSCARIELLO. ALLA CIVITANOVESE SI FANNO LE COSE CON IL CUORE. NON CI SARANNO PARTENZE

«Alla Civitanovese si fanno le cose con il cuore: in questa ottica va vista la lettera aperta che in settimana il nostro Direttore Generale Giorgio Bresciani ha rivolto ai tifosi e a tutta la città di Civitanova Marche. Altrettanto cuore ed affetto per questa realtà hanno dimostrato tutti coloro che hanno risposto all’appello: questo vuol dire voler bene ai colori rossoblu»: inizia così il tradizionale colloquio del venerdì con il Direttore Sportivo della Civitanovese Daniele Muscariello, che con le sue sempre intense e mai banali parole si trova oggi a fare il punto della situazione per quanto riguarda la Società di via Martiri di Belfiore.
«I presupposti per fare bene, anche in prospettiva futura, ci sono tutti – ha poi proseguito il diesse – ma per continuare a credere e sperare in questo grande progetto dobbiamo essere uniti e compatti: proprio per questo un altro segnale importante potrebbe venire proprio dai tifosi, che sentiamo sempre vicini e che mi auguro accorrano in gran numero a sostenere la nostra squadra a Jesi, colorandola di rossoblù. I dati sulle prevendite sono confortanti sotto questo aspetto».
«Ci attende una dura battaglia contro la squadra di Bacci, che abbiamo già affrontato in Coppa: in quella occasione, i leoncelli hanno avuto la meglio, ma stavolta sarà ben diverso – la sua analisi – in quel caso, contro una compagine ben attrezzata, pagammo soprattutto il ritardo di preparazione: domenica invece scenderemo in campo ben consapevoli dei nostri mezzi e del nostro valore. Sarà importante fare quello di cui sappiamo essere capaci, senza cadere in alcun tipo di provocazione: ad avere la meglio sarà infatti, secondo me, chi sarà capace di compiere meno errori. Ci siamo preparati all’incontro con il solito impegno e la massima serenità, come nostro costume: a fronteggiarsi, una compagine fortissima in casa contro il nostro enorme potenziale offensivo che dà il meglio fuori dalle mura amiche. Ne vedremo di sicuro delle belle».
Non saranno della gara, purtroppo, molti protagonisti: nelle fila della Jesina mancheranno gli squalificati Carnevali e Tombari, mentre per quanto riguarda la Civitanovese non è il Giudice Sportivo ma l’infermeria a dare brutte notizie.
Allenamento a parte nella sessione odierna per Ficola (noie alla schiena) e Giovino (botta alla caviglia), Cossu e Mengali alle prese invece con una fastidiosa febbre, Della Penna tornerà invece disponibile solo tra trenta giorni.
Impietose poi negli ultimi giorni le diagnosi di Ferrini e Tofani, entrambi alle prese con guai al ginocchio: per quanto riguarda il primo, l’intervento previsto per la settimana prossima ha subito un rinvio a causa delle complicazioni di una flebite.
Il giovane classe ’95, invece, ha effettuato ieri gli esami strumentali che hanno purtroppo evidenziato una contusione ossea di primo grado, la rottura del menisco esterno ed una sfilacciatura del legamento crociato anteriore che, dopo il lungo stop dello scorso anno, mettono a serio repentaglio anche la stagione in corso.
Augurando ai propri atleti una pronta guarigione, e ringraziando il massaggiatore Sante Rossetti per la professionalità e la tempestività nelle informazioni, la Civitanovese è dunque costretta a ricorrere in maniera incisiva nel mercato di dicembre: di carne al fuoco ce n’è molta, ma ogni situazione è da valutare con la massima attenzione.
«Ribadisco che non ci saranno partenze – ha tenuto a precisare Muscariello – e dico questo per tranquillizzare un po’ tutti e per rendere merito ad un grande gruppo che ha fatto così bene in questa prima parte del campionato. Chi arriverà, sa già che dovrà vestire una maglia importante. Gli acquisti che abbiamo in mente sono elementi di assoluto valore che andranno ad integrare la rosa dove si è resa necessità e a rafforzarla dove riteniamo di poter fare ancora meglio»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *