“L’IGNORANZA È FORIERA ARROGANZA E QUALUNQUISMO”. SULLA POLEMICA INNESCATA DA CIARPICA INTERVIENE ANCHE IL SINDACATO

Sulla polemica scatenata da Vince Civitanova e dal suo candidato sindaco Fabrizio Ciarapica contro il comandante dei vigili urbani di Civitanova Sirio Vignoni, dura presa di posizione di Benedetto Crescenzi, responsabile regionale sindacale per la Ospol/Csa Marche. “Questa Organizzazione Sindacale – scrive – deve purtroppo riscontrare l’ennesimo attacco ai Lavoratori della Polizia Municipale da parte di una politica contemporanea, e non ci interessa di quale colorazione, che, sia in campo Nazionale che in quello locale, da una parte sta sempre più a chiedere a questi Lavoratori e dall’altra al contrario la sta privando sempre più dei diritti, delle tutele e del riconoscimento della loro dignità. Questa volta tocca a Civitanova Marche in cui certi “Fenomeni” mestieranti della politica hanno deciso di strumentalizzare questi Lavoratori e il loro Dirigente a fini elettorali; noi respingiamo con forza tutto questo anche nella convinzione che la politica contemporanea, che vive in un mondo tutto suo fuori dalle realtà cittadine, sia in campo nazionale che locale dimostra tanta ignoranza in materia e, purtroppo l’ignoranza è poi foriera di arroganza, saccenza e qualunquismo”. “Alla luce – continua – di questo, a Lor Signori vogliamo ricordare che il Settore è normato dalla Legge 65/86 “Legge quadro sulla Polizia Municipale” e dalle Leggi Regionali che esercitano la loro competenza in materia; dette Norme assegnano alla Polizia Municipale Funzioni di Polizia in materia di circolazione stradale, annonaria e commerciale, edilizia e ambiente, hanno poi qualifica di polizia giudiziaria per l’accertamento di eventuali reati e Funzioni Ausiliarie di Pubblica Sicurezza (a u s i l i a r i e); altra normativa sul pubblico impiego prevede poi che ai Dirigenti degli Enti Locali, compresi quelli della P.M., vengano assegnati degli obiettivi da raggiungere nell’esercizio delle loro Responsabilità. Allora noi chiediamo: la Polizia Municipale di Civitanova Marche svolge o no queste attività ????? Se no lo si dimostri ma con dati seri alla mano; ancora : Il Dirigente ha raggiunto o no gli obiettivi ad esso assegnatidall’amministrazione???? se no anche qui lo si dimostri con dati seri alla mano”. Da Crescenzi un plauso ai vigili di Civitanova: “noi diciamo che questi Lavoratori a Civitanova Marche fanno molto di più perché oltre a quanto sopra sisobbarcano anche l’onere di arginare la movida notturna della Città e quindi svolgendo appieno l’attività di pubblica sicurezza che secondo la Legge invece dovrebbe essere ausiliaria; la politica e i politicanti contemporanei dimenticano che la sicurezza e l’ordine pubblico sono di specifica competenza dello Stato; peraltro nella Città di Civitanova Marche sono presenti tutte le Forze di Polizia previste dal nostro Ordinamento; e allora ?”. “La categoria che rappresentiamo – prosegue – piange ogni anno le decine di propri morti caduti per vari motivinell’esercitare il proprio dovere (stiamo portando per l’Italia una mostra a ricordo di essi) eppure da un po ditempo a questi Lavoratori è stata anche tolta la causa di servizio e l’equo indennizzo; ciò significa che se un Organo di Polizia di Stato subisce violenza con conseguenti danni fisici ha tutte le tutele mentre la stessa violenza subita da un Operatore di Polizia Municipale non vale nulla..E’ normale questo?”. Infine sullo specifico attacco di Ciarapica conclude: “tanto per ritornare sull’ignoranza citata in premessa appare necessario spendere qualche parola anche sullaquestione della docenza del Dirigente presso la Regione Marche; bene si è già detto delle competenze regionali in materia di Polizia Locale e tra queste si annovera quella (obbligatoria) della formazione; di primo livello per i neoassunti, di secondo livello attraverso aggiornamento e così via anche per gli Ufficiale ed i Comandanti. In relazione ai neoassunti, per le docenze, la Regione da sempre utilizza persone in possesso di adeguata professionalità in forza alle Polizie Locali e in altre Forze di Polizia; questi soggetti in tale ambito stanno inservizio a tutti gli effetti perché stanno svolgendo un’attività istituzionale non retribuita di loro competenza e, di conseguenza, utilizzano giustamente e legalmente mezzi di servizio; così avviene anche per i docenti indivisa di altri Corpi di Polizia. Se poi tutta la vicenda dovesse essere vista con occhi disinteressati da parte nostra, osserviamo che questavicenda sta dando grandi riconoscimenti all’Amministrazione uscente (sempre al di fuori delle colorazionipolitiche) perché se a Civitanova tutte le negatività stanno in capo alla Polizia Municipale significa che in questa Città le strade, le scuole, il lavoro, la sanità ed il resto funzionano bene; non solo, tutti gli altri servizi erogati dal Comune funzionano alla perfezione.Per tutto quanto detto noi ripetiamo con forza “Giù le mani dalla Polizia Municipale di Civitanova Marche” saremo attenti ed in prima linea al loro fianco e per la loro tutela Sindacale oltre che Legale se necessario perché non accetteremo diffamazione e calunnie da parte di nessuno e senza fare sconti a nessuno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *