ATAC, I GIOCHI DI POTERE DI CIARAPICA

Ieri pomeriggio sul tardi si è tenuta l’assemblea dell’Atac con diversi punti all’ordine del giorno tra cui l’approvazione del bilancio 2020 e il rinnovo/sostituzione del Consiglio di amministrazione dell’Atac.
Il Comune detiene il 100% di Atac e pertanto il Sindaco senza sentire nessuno, può fare ciò che vuole, nominare o cacciare chi lo aggrada.
Ciarapica ha riconfermato il presidente Belvederesi che va ricordato, e’ il segretario provinciale del partito della Meloni, un intoccabile ma indigesto a Ciarapica perché dei Fratelli d’Italia, partito che si oppose a Civitanova alla sua candidatura a presidente della regione. Altra conferma per Milena Mercuri, figlia del fido consigliere comunale Paolo Mercuri e l’avvocato Federica Bianchini. Ha invece sostituito a sorpresa senza motivazione pubblica, il commercialista Alberto Borroni appartenente a Forza Italia e vice presidente dell’Atac e il consigliere Gianni Paolucci appartenente alla lista civica di Vince Civitanova.
Gianni Paolucci è stato sostituito da Ottavino Brini che era stato estromesso dal cda dell’Atac, e Alberto Borroni è stato sostituito da Daniele Rossi fratello della consigliera Monia Rossi e che assumerà la carica anche di vicepresidente. Una domanda sorge spontanea: perché si sostituiscono un vice presidente e stimato professionista così senza colpo ferire e senza darne motivazione?
Borroni e Paolucci si sono macchiati di comportamenti negativi, non hanno fatto gli interessi dell’Ente? Si sono comportati senza capacità e merito? Sono macchie che rimangono se non chiarite.
Forse Paolucci non è stato confermato da Ciarapica perché ha voluto vendicarsi di Vince Civitanova che non lo ha sostenuto alle regionali e ha voluto premiare invece il fedele Daniele Rossi che lo ha aiutato nella campagna elettorale regionale?
Poi dulcis in fundo, ha voluto riammettere dopo averlo cacciato in malo modo il figliol prodigo Brini che andato a Canossa ha promesso a Ciarapica una lista civica in suo appoggio alle comunali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *