VIDEO CHIAMATE TRA MALATI E PARENTI. IL DOTTOR ROSATI: ”NON SONO L’UNICO CHE LO FA”

“La mia mamma sta lottando nell’ospedale Covid di Civitanova. Ha sempre lottato duramente contro ogni pietra che la vita le ha scagliato addosso e spero lo faccia anche stavolta. È doloroso saperla lì, sola, senza neanche poterle far sentire la mia voce. Ecco, vorrei tanto che questo post lo leggesse uno degli angeli che lavorano nell’ospedale di Civitanova. La mia mamma si chiama Rosa Dignani, Rosina, e vorrei solo dirle che le vogliamo bene, che siamo accanto a lei, che non l’abbiamo abbandonata, che la amiamo e che deve lottare per tornare da noi”.
Le parole di Paola Gerini, di Camerino, lanciate virtualmente nella rete martedì scorso sono, dopo poche ore, giunte al dottor Yuri Rosati, pneumologo che in questi giorni è tra i medici operativi all’ospedale Covid di Civitanova, che ha realizzato il desiderio di Paola: una video chiamata ha permesso a mamma e figlia di potersi vedere, seppur attraverso uno schermo, e parlare.
“Ho potuto vedere mia mamma – scrive Paola Gerini – attraverso la video chiamata del dottor Yuri Rosati che con un cuore immenso mi ha fatto parlare con lei e mi ha un po’ rassicurato sulle sue condizioni. Non dovremo più scordarci del lavoro di questi angeli, della loro fatica e del loro sacrificio, loro che pur nella tremenda stanchezza e sconforto, non dimenticano la loro umanità. grazie, grazie, grazie”.
“Non sono l’unico che lo fa – precisa il dottor Rosati – e non è la prima volta che metto in collegamento malati e familiari. I ricoverati covid non possono parlare con chi amano, vedono solo noi ma sotto le tute di protezione che ci nascondono il viso c’è anche un sorriso o uno sguardo di vicinanza. Quando è possibile facciamo video chiamate in cui possono vedere e sentire i loro cari, capire di quanto amore sono circondati. Sono momenti di grande commozione, difficili da raccontare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *