TRIPLICE SUICIDIO, A TELECAMERE SPENTE IL VERO PROBLEMA E’ IL LAVORO CHE NON C’E’ PIU’ PER TUTTI

8Da “Pomeriggio Cinque” a “La 7 con Piazza Pulita” e poi ancora “Porta a Porta” di Vespa per una Civitanova che appare sconfitta, dove protagoniste sono le urla a volte scomposte e le forti accuse all’indirizzo generalizzato di politici e amministratori.
A questa Civitanova dei meno però, fa da contraltare una Civitanova dei più, chiusa in un rispettoso e dignitoso silenzio, come dignitoso è stato quello di Romeo, Anna Maria e Giuseppe. Questa Civitanova però non riscuote l’interesse dei media, perché per fare audience è più indicata la signora che se la prende con il Sindaco e gli amministratori (salvo poi andare a scusarsi) o qualche esaltato che viene da fuori Civitanova che usa il microfono per dare sfogo a “frustrazioni personali”.
Poi però a telecamere spente, quello che rimane è una città che si lecca le ferite, dove il vero nuovo problema è la mancanza di lavoro, a Civitanova come in tutti gli altri Comuni. Quel lavoro che vuol dire dignità, quel lavoro che è un diritto sancito dalla Costituzione, quel lavoro che manca per colpa della crisi, quella crisi che veniva negata fino a pochi anni fa quando gli italiani, in tanti, in troppi, parlavano di altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *