TRAGEDIA IN DISCOTECA, I NOMI DELLE VITTIME

I soccorsi

Sei ragazzi sono morti travolti dalla calca durante un fuggi fuggi generale in un locale in provincia di Ancona. Almeno un centinaio sono rimasti feriti, 10 dei quali in modo grave. La tragedia è avvenuta intorno all’una di notte nella discoteca ‘Lanterna azzurra’ di Corinaldo, in località Madonna del Piano.

Le vittime: “Asia Nasoni, 14 anni, di Senigallia; Daniele Pongetti, 16 anni, di Senigallia; Benedetta Vitali, 15 anni, di Fano; Matttia Orlandi, 15 anni, di Frontone; Emma Fabini, 14 anni, di Senigallia;e mamma Eleonora Girolimini, 39 anni, di Senigallia. Sono le giovani vittime della tragedia di questa notte. È assurdo morire così. Come governo faremo massima chiarezza sulla dinamica della vicenda (se sono state rispettate tutte le norme di sicurezza) e individueremo i responsabili. Un abbraccio e un pensiero alle famiglie”. Lo scrive su Fb il vicepremier Luigi Di Maio.

Al momento ci sono 12 codici rossi, 45 codici verdi e 9 codici gialli. E’ quanto si fonti investigative.

Il locale, secondo una prima ricostruzione, ha 3 uscite di sicurezza: una di queste dà su un ponticello che attraversa un piccolo fossato e collega la discoteca al piazzale del parcheggio. La tragedia è avvenuta in quel punto: quando i ragazzi sono usciti di corsa dal locale, decine di loro si sono accalcati per passare sul ponticello fino a quando una balaustra ha ceduto. I primi ragazzi sono così finiti nel fossato, un metro sotto il ponticello, e sono stati schiacciati da tutti gli altri.

2 Responses

  1. Andrea ha detto:

    In Italia non si rispetta nulla e nessuno controlla. Tra una settimana tutto come prima .

  2. roberto ha detto:

    Purtroppo in italia non si rispettano le norme di sicurezza Mai mi ricordo anche molti locali estivi discoteche chalet improvvisate discoteche ammassate con centinaia di persone enon uscite di sicurezza , e nessuno controlla o fa rispettare il numero di persone che un locare puo realmente alloggiare per essere considerato sicuro in caso di emergenza ..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *