TASI, 1844 CIVITANOVESI PAGHERANNO IL 50% IN PIÙ

I civitanovesi quest’anno hanno trovato sotto l’albero di Natale un bello ed inaspettato regalo di cui avrebbero fatto volentieri a meno. La Civitas ha inviato ben 1844 avvisi accertamento Tasi relativi all’annualità 2014 in scadenza al 31 dicembre 2019, per un importo complessivo di 373.000 euro comprensivo di sanzioni e interessi (un salasso di ben 130.000 euro in più che i cittadini dovranno pagare. In sostanza il 50% in più del dovuto tra sanzioni, interessi e spese postali. Neanche Equitalia arrivava a far pagare tanto in più). infatti l’imposta dovuta invece pesa per un volare di 243.945 euro.
Gli avvisi di accertamento sono stati recapitati ai cittadini frettolosamente entro fine anno per non far cadere in prescrizione il diritto alla riscossione del tributo dopo diverse tensioni e discussioni, che hanno portato tra l’altro all’arrivo dei carabinieri negli uffici per ben 2 volte in poco più di un mese, tra il Consiglio di Amministrazione della Civitas nominato per ben due volte da Ciarapica, il personale interno all’azienda stessa ed i vertici comunali.
La giunta Ciarapica, poco prima di Natale, per evitare che la Tasi cadesse in prescrizione ha deliberato lo stanziamento di una somma di circa 40.000 euro per permettere all’azienda partecipata che si occupa della riscossione dei tributi di procedere all’invio degli avvisi Tasi.
L’anno si è chiuso con un salasso di centinaia di euro per ogni famiglia e Il nuovo anno si è aperto per i civitanovesi con code ed attese agli sportelli Civitas per capire la correttezza di quanto loro inviato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *