SOGNANDO DUBAI… BARCELLONA… MIAMI E… CASCINARE

Una volta i Dik Dik cantavano “sognando la California…” oggi invece a Civitanova il sindaco Ciarapica, famoso per i suoi sogni irrealizzabili, canta come un disco rotto su tutte le testate giornaliste “sognando Dubai… sognando Barcellona… sognando Miami…”.
I suoi concittadini invece sognano di liberarsi un giorno di questo sindaco che tutto pensa fuorché al bene della propria città.
E si! Ciarapica dapprima sognava di spostare lo stadio per una bella speculazione edilizia poi gli ultras lo hanno svegliato in quel di Cascinare poi sognava una piazza e un varco “modello Strever”, tanto cemento , tante tasse poi sognava la Presidenza della Regione e poi l’assessorato regionale alla sanità e da ultimo un postarello in consiglio Regionale. Tutti sogni che si sono infranti in men che non si dica e che sono finiti in una bolla azzurra di sapone.
Povero Ciarapica! Visto il nulla della sua amministrazione il sindaco spera di essere ricordato quanto meno per i suoi sogni maestosi e megalomani, pieni di possibili affari perché di questo si tratta. Di tutto questo parlare non c’è un solo atto amministrativo tutto nascosto e neanche un confronto con gli operatori del settore.
Nessuno a quanto pare era a conoscenza di questo progetto, il cui capofila è proprio quell’Antonelli dello stadio e delle cene a base di aragoste della campagna elettorale regionale, né la sua giunta ne’ tanto meno la sua maggioranza o di quello che resta,
Il colmo dei colmi e che neanche il suo assessore alla pesca e al porto è d’accordo con il suo progetto faraonico e farlocco e sulla stampa lo riporta con i piedi per terra.
Non dimentichiamo che questa amministrazione in più di 3 anni non è stata capace di costruire neanche una rotonda provvisoria come può realmente pensare di costruire palazzi a 10 piani e infrastrutture modelli Dubai… Barcellona… Miami…?
Ciarapica sognando Cascinare no?!?
Maria Antonietta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *