SI CONCUDE: “ESSERE FEMMINILI IN ARTE”

???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????
???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

La nostra è stata definita da Bauman, l’epoca delle relazioni tascabili , cioè dei legami che vengono tirati fuori solo per convenienza e smaltiti immediatamente, simili ai prodotti pronti all’uso. Ieri sera , nell’ambito delle manifestazioni culturali legate alla mostra collettiva “Essenze  femminili in arte” , il filosofo Cesare Catà  nel corso di ” Ascolta Penelope. Lezione spettacolo su Odisseo e i suoi amori”, ci ha mostrato come l’amore possa essere un’arte, e che esiste anche il tempo dell’attesa oltre a quello dell’istantaneità . Odisseo, incarna il tema dell’eterno peregrinare dell’uomo alla ricerca di se stesse , ma in presenza di un amore inevitabilmente legato al destino. L’amore elimina la distanza tra l’Io e il Tu, esso non ha bisogno di un ponte che separa ed unisce, scrive Georg Simmel, perché è la perfetta adesione di un oggetto al suo oggetto. Odisseo colmava l’assenza dell’amata proiettandola in tutte le donne incontrate nel suo peregrinare ed è stata questa presenza subliminale a guidarlo verso di lei.  Oggi è l’ultimo giorno utile per visitare la mostra nello spazio multimediale San Francesco a Civitanova Marche Alta, dalle ore 18 in poi saranno presenti tutte le artiste. (Maria Giuseppina Coppola)

i

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *