SI A GIOVANNETTI YACHT MA PER ORA SOLO A PAROLE

L’assessore alla Pesca e alle attività portuali Francesco Caldaroni, che all’incontro con la comandante del Dipartimento Marittimo Ylenia Ritucci ha rappresentato il Comune e il sindaco Fabrizio Ciarapica, condivide il progetto di destinare quattro bitte del molo sud alle grosse imbarcazioni da diporto.
Favorevole anche al progetto di Tiziano Giovannetti con delle puntualizzazioni, ovvero il nuovo moletto da realizzare dovrà essere fisso e non galleggiante.
Caldaroni giustifica l’assenza del Sindaco all’incontro affermando che “non può presenziare tutte le iniziative che vengono assunte in città”. Ciarapica presenzia a tutte le manifestazioni ma non agli incontri con le categorie portuali per illustrare i cari progetti del porto (Giovannetti, Eurobuilding).
E per la mancata risposta ad Hopafi in merito al progetto di riqualificazione e adattamento dell’area interessata all’attracco di panfili presentato, Caldaroni scarica la responsabilità su Umberto Antonelli che ha presentato il cosiddetto «progetto Dubai», “aprendo così un contenzioso contro il Comune per la mancata esposizione all’albo, sul quale il Tar si pronuncerà entro dicembre”.
Per Caldaroni è inutile “dare il nulla osta al progetto Hopafi, alla vigilia dell’ordinanza del tribunale amministrativo di cui non si conosce il risultato, se esso sia favorevole o contrario”.
Il progetto Eurobuilding però è stato presentato dopo quello di Hopafi e l’allora entusiasmo manifestato sulla stampa dal sindaco Ciarapica e la mancanza di risposta aveva spinto Giovannetti ad abbandonare il progetto.

1 Response

  1. roberto ripari ha detto:

    Importante che, avendo Civitanova circa 2,5 km di spiaggia adiacente al centro abitato e un ulteriore lungo tratto a nord del Caronte, non si costruiscano alberghi nell’area portuale. Eurobuilding che ha presentato un tale progetto ha, probabilmente, considerato il porto quale elemento secondario, un onere da sostenere per costruire alberghi. Attendiamo il pronunciamento del TAR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *