SCUOLABUS A CIVITANOVA, LA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO DI “VIA TACITO” REPLICA A COGNIGNI

atac2“Se l’Atac chiede, indipendentemente dal numero degli alunni trasportati, un contributo di 77,00= Euro per ciascuna corsa, in luogo del biglietto sino allo scorso anno utilizzato, non si può nel contempo far credere che il problema si possa risolvere chiedendo ai Dirigenti ed agli Istituti scolastici di riempire gli autobus di 60/70 alunni, in modo da ammortizzare al meglio detto costo.
Forse sarà sfuggito all’Amministratore delegato che, per comprensibili ed ovvie ragioni di sicurezza, nel rispetto delle norme vigenti in materia, è l’Atac stesso che, ad esempio per la Scuola dell’Infanzia, raccomanda il rispetto del limite massimo di trenta bambini per ogni corsa. Solo qualche giorno fa, per una mini-trasferta legata al Progetto continuità, dalla scuola dell’Infanzia di Via Guerrazzi, (zona Coop), sino alla vicina sede di Via Tacito, si è dovuto richiedere ad ogni famiglia, il versamento di una somma pari a 2,90= Euro!
Per non parlare di specifici laboratori, tipo la piscina o la vela, ove per ragioni di carattere organizzativo, non è possibile far partecipare più di quindici alunni per ogni singolo Plesso.
In tal caso cosa si dovrebbe chiedere ad ogni famiglia, di versare 5.00= Euro per uno spostamento dalla sede della scuola sino alla Piscina Comunale o sino al Club Vela?
Quello che sconcerta è che una simile richiesta sia rivolta ad utenti della Scuola dell’obbligo ed ai tre ordini che la riguardano (Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado) e tutto questo è inaccettabile da parte dei genitori dell’Istituto Comprensivo Via Tacito, che stanno già esprimendo il loro disappunto per una decisione che disapprovano decisamente. Ancora più indignati sarebbero se, causa i costi troppo elevati dei trasporti, l’Istituzione scolastica fosse costretta a sopprimere progetti ed attività laboratoriali di qualità e didatticamente notevoli, contenuti all’interno di un Piano dell’Offerta Formativa che essi conoscono e per il quale hanno deciso di iscrivere i loro figli nell’Istituto scolastico.
Questa problematica è ben conosciuta dal Presidente dell’Atac Avv. Mantella, nonché dalla Responsabile amministrativa Dott.ssa Silvia Pioppi, con i quali, una ventina di giorni fa, la scrivente ha avuto un confronto, unitamente ad una delegazione di genitori del Consiglio di Istituto ed alla collaboratrice del Dirigente scolastico, sig.ra Lorella Diomedi. Durante la riunione, sono emerse proposte costruttive che attendono solo di essere concretizzate e che vedono come interlocutore necessario l’Ente locale. Ci si augura che questo avvenga e che ciascuno contribuisca a fare la sua parte!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *