QUADRILATERO, AFFIDATE TUTTE LE PROGETTAZIONI

lavori-in-corso

Quadrilatero, affidate tutte le progettazioni.
Notizia rilevante per la comunità, con numerose operazioni di grande viabilità che riguardano il territorio provinciale. Gli interventi finanziati e di competenza della Quadrilatero Marche-Umbria Spa sono: l’uscita di Civitanova Marche, con il sottopasso e le due rotatorie; il collegamento della superstrada dallo svincolo Campogiano di Corridonia fino a via Mattei a Macerata; l’intervalliva San Severino Marche – Tolentino e il terzo e quarto lotto della Pedemontana per il tratto Camerino – Muccia. Entro marzo 2020 sarà conclusa e inviata la progettazione definitiva dell’intervalliva di collegamento di Macerata con la superstrada, attraverso la strada “via Mattei – La Pieve” e il suo proseguimento che arriverà in località Campogiano di Corridonia, dove verrà realizzato il nuovo svincolo. Per i progetti, che attualmente stanno seguendo stati di avanzamento differenti, c’è sempre stata una costante interlocuzione con i territori interessati; un confronto, in relazione ad eventuali singole problematiche che sono emerse, volto a risolvere tali criticità con gli enti locali coinvolti. “Voglio ricordare anche un altro intervento importante da realizzare sul territorio montano – afferma il presidente della Provincia di Macerata, nominato nel Consiglio di amministrazione della società Quadrilatero Marche Umbria Spa lo scorso anno – : lo svincolo definitivo di Muccia, la cui progettazione, in via di completamento, in questo caso è a cura delle imprese del maxi lotto 2”. Tra le opere che riguardano il maceratese, recentemente sono stati inviati agli enti interessati i progetti definitivi dell’innesto della superstrada tra la statale 16 e il relativo sottopasso di Civitanova Marche. Per quanto riguarda, invece, la realizzazione dell’intervalliva che collegherà Macerata con lo svincolo di Campogiano, entro marzo sarà conclusa e inviata la progettazione definitiva; successivamente sarà acquisito il parere sul progetto del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e sarà sottoposto al parere degli enti locali e dei soggetti interessati con un’apposita conferenza dei servizi e quindi sarà trasmessa per approvazione al CIPE (Comitato interministeriale per la programmazione economica), per poi passare alla fase realizzativa dell’opera. Quest’ultimo intervento assume particolare rilievo anche in vista della nuova realizzazione dell’ospedale provinciale. Sono opere importanti che aumentano la mobilità, da assicurare all’intero territorio: occorre che tutte le istituzioni lavorino per evitare l’isolamento, specialmente dopo il sisma, della media Valle del Potenza, che rischia di essere la vera Cenerentola della nostra provincia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *