PRIMA LA CONSOLA E POI LA STUPRA

Una 40enne anconetana ha denunciato un concittadino di 50 anni per aver abusato di lei. L’accusa per la quale l’uomo è stato rinviato a giudizio è violenza sessuale aggravata dallo stato di minorata difesa della vittima. Il processo inizierà il 15 febbraio.

L’imputato respinge ogni addebito e sostiene di non aver commesso alcun abuso sull’amica. Il presunto stupro sarebbe avvenuto nell’estate del 2015 a casa della donna.

La donna si sarebbe rivolta all’uomo per essere consolata dopo che il compagno l’aveva picchiata.

La donna si è costituita parte civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *