PILLON, IN TRECENTO IN PIAZZA A CIVITANOVA PER CONTESTARE IL SENATORE LEGHISTA

Protesta contro Pillon, in 300 hanno manifestato ieri sera in piazza per contestare il senatore leghista e il suo decreto legge (inviso anche all’interno dello stesso governo giallo verde) considerato un attacco al diritto di famiglia e alle conquiste delle donne. Striscioni, palloncini, fischietti alla manifestazione che stata organizzata dalla Rete antifascista Civitanovese e a cui hanno aderito sigle e movimenti da tutte le Marche. Dopo il raduno in piazza e alcuni interventi di attivisti, i manifestanti hanno provato ad arrivare all’hotel Miramare, dove nello stesso momento Pillon stava tenendo un convegno sul tema della famiglia, tradizionale, con al suo fianco il sindaco di Civitanova Fabrizio Ciarapica e l’assessore servizi sociali Barbara Capponi, i principali fautori dell’arrivo di Pillon a Civitanova. Il senatore leghista e’ infatti arrivato in città su invito ufficiale dell’amministrazione comunale civitanovese che ha anche sostenuto le spese per l’organizzazione del convegno. Il tentativo di raggiungere il Miramare è stato impedito dalla polizia e dai carabinieri, presenti in numero massiccio e in tenuta antisommossa. C’è stato anche contatto fisico tra i manifestanti e i celerini, ma non si sono verificate violenze. Davanti all’impossibilità di sfondare sul vialetto nord, i manifestanti si sono spostati su quello sud, e hanno provato ad arrivare al Miramare da quel lato, ma anche qui hanno trovato la barriera di polizia e carabinieri. La manifestazione si è sciolta con la soddisfazione degli organizzatori, tra cori contro Pillon, fumogeni e slogan a difesa dei diritti delle donne. Una protesta è avvenuta anche all’interno della sala in cui si svolgeva il convegno e dove alcuni partecipanti hanno esibito delle magliette con scritte contro Pillon.

img_7851

img_7852

img_7853

img_7854

img_7855

img_7856

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *