PIERPAOLO ROSSI, “SI VERIFICHINO LE ASSEGNAZIONI SENZA BANDO DEGLI APPALTI DURANTE L’AMMINISTRAZIONE MOBILI

palazzo-sforza-municipio_2“L’ex assessore Ciarapica chiede al sottoscritto di denunciare  la eventuale “turbativa d’asta”? Avrebbe dovuto farlo lui invece di mettere le mani avanti fugando dubbi sulla regolarità della gara ma facendo contemporaneamente domande tendenziose sul come e perché se la fosse aggiudicata un esponente del PD locale. Aggiudicata; già perché è proprio questo il termine che nei comunicati usa il consigliere Ciarapica. O la gara è regolare e quindi ogni parola detta è solo pretesto per polemiche sterili o la gara è irregolare e quindi la denuncia la faccia lui che ha alzato il polverone! Oltretutto la eventuale turbativa d’asta potrebbe essere stata causata dallo stesso Ciarapica che a questo punto dovrebbe spiegare come possa essere venuto  a conoscenza dell’aggiudicazione prima che la stessa avvenisse: perché la gara non era e non è ancora stata aggiudicata.
E lui non era presente all’apertura delle buste!
E’ vero che l’apertura delle buste è pubblica e tutti possono partecipare (ma lui non c’era!) come è altrettanto vero però che gli unici presenti durante quell’atto oltre ai membri della commissione erano 4 (quattro) rappresentanti delle ditte interessate: quindi da chi ha saputo Ciarapica della (non) aggiudicazione della gara? Attento a come risponde ex assessore!
Oltretutto lo studioso consigliere o non sa o dimentica che in seguito all’apertura delle buste prima dell’aggiudicazione definitiva vi sono da completare dei passaggi valutativi burocratici come la “valutazione di anomalia”(verifica del ribasso e richiesta di congruità dei costi) e la “aggiudicazione provvisoria” (periodo di verifica delle autocertificazioni prodotte). Quindi la gara non era stata aggiudicata. E non lo è ancora oggi.
Non è la prima volta che l’ex assessore fa delle dichiarazioni in maniera superficiale (ricordate il caso scrutatori?): se il polverone era finalizzato ad una sterile polemica ”politica” avrebbe fatto meglio ad aspettare l’aggiudicazione effettiva della gara prima di parlare perché altrimenti non si fa altro che legittimare dubbi sulla regolarità dell’appalto e sulla “ermeticità” dei muri comunali!!!!!
Dopo tutto ciò però “coerentemente col proprio mandato” chiedo al Sindaco (eventualmente anche con una interrogazione in Consiglio) una  verifica sulle assegnazioni senza bando degli appalti per lo spazzamento e la pulizia delle strade (o per la potatura e lo sfalciamento del verde pubblico) avvenute durante l’amministrazione Mobili.
Richiesta di verifica che m’aspettavo dal  M5S di Civitanova che invece ultimamente sembra molto concentrato sulle attività del sottoscritto: sarà un caso ma dal giorno in cui evidenziai pubblicamente il particolare (quasi ossessivo) interesse dei grillini locali per il caso civita-park (con accuse soprattutto per  l’attuale amministrazione) e l’ipotetico (?) collegamento tra il M5S, SAMESI e Civita-Park  i “grilli di mare” riservano tutte le loro attenzioni ed energie per il sottoscritto.
In proposito per l’ennesima volta ricordo loro (anche se lo sanno benissimo) che la delega del Sindaco nei miei confronti cita testualmente: “[…sono a chiedere alla S.V. di volersi interessare della problematica relativa all’attivazione del complesso edilizio denominato “Edificio Studenti/Anziani”…Il Presente incarico non consente l’adozione di atti che impegnano l’Amministrazione verso l’esterno. La S.V. dovrà, quindi, riferire al sottoscritto Sindaco in merito alla necessità di atti e decisioni di spettanza dell’Amministrazione. […]”.
Il sottoscritto non ha poteri decisionali! E mi chiedo: dove erano questi paladini del buon governo quando la precedente amministrazione metteva in atto questo “capolavoro di spreco di denaro pubblico”? Non si interessavano allora della città? Non mi ricordo di averli mai visti in aula consiliare! E poi, perché non ci fanno dono del loro sapere e “per il bene comune” non ci indicano la soluzione a questo problema? Non mi ricordo di aver sentito delle proposte in merito!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *