PD CIVITANOVA MARCHE, CAMPAGNA DI RESOCONTO E ASCOLTO

image

Una delle tappe della campagna di resoconto e ascolto, dal titolo “Insieme verso il cambiamento”, promossa dal PD della Marche e dal gruppo consigliare regionale dello stesso partito, in vista della scadenza del rinnovo del consiglio regionale, si è svolta ieri sera nel salone dell’hotel Cosmopolitan. Gli altri incontri, a livello provinciale, avranno luogo a Tolentino e Matelica.
L’importante riunione ha visto la partecipazione del segretario regionale, Francesco Comi, di quello provinciale di Macerata, Teresa Lambertucci, degli amministratori regionali, Sara Giannini e Angelo Sciapichetti. Presenti, inoltre, per l’amministrazione provinciale, Gustavo Postacchini, e l’on. Irene Manzi. Hanno fatto gli onori di casa il segretario locale, Mirella Franco, e i membri della segreteria. La partecipazione di un nutrito gruppo di amministratori del territorio, rappresentanti sindacali, di categorie e di iscritti, è stato il segno tangibile della larga condivisione delle tematiche che l’incontro poneva in esame. Dopo il saluto iniziale del segretario locale, Mirella Franco, Teresa Lambertucci, ha ringraziato il PD di Civitanova per l’organizzazione di un incontro “finalizzato – ha precisato – a portare la politica in mezzo alla gente”.
Un aspetto da evidenziare subito è stato quello che il gruppo dirigente si è posto subito in ascolto, lasciando quindi la parola al pubblico che non ha certamente mancato di portare il suo contributo in termini di proposte e valutazioni. Tanti gli argomenti posti in evidenza, come quelli che il partito deve tornare a porsi in ascolto a cominciare dal livello comunale e vari segnali di preoccupazione per quanto riguardano lo smaltimento dei rifiuti e della sanità in termini operativi e alle liste di attesa in particolare. Vari accenni al diritto allo studio, al problema degli anziani e forti riferimenti al problema lavoro.
In merito al problema dei rifiuti, il segretario provinciale Lambertucci, ha comunicato che ci sono in essere delle ipotesi di impegno per migliorare il settore. Ampio intervento dell’assessore regionale, Sara Giannini, che, sulla base delle osservazioni emerse riguardanti la sanità, si è soffermata sulle “scelte coraggiose – ha detto – fatte dalla Regione per questo comparto, per cui ritengo ingeneroso considerare le Marche una cenerentola della sanità”. Ad avvalorare quanto sostenuto dalla Giannini, il consigliere comunale Daniele Maria Angelini, ha aggiunto vivacemente, lasciando la sede dell’incontro. di ritenere ingiuste e fuori luogo tutte le negatività espresse in alcuni interventi sulla sanità.
Il consigliere regionale, Sciapichetti, ha ritenuto, per l’importanza di quanto era emerso nel corso dei lavori, di organizzare entro breve una riunione per approfondire i problemi sollevati e da parte sua è stato fatto un accenno ai tagli che hanno riguardati la sanità “per cui – ha puntualizzato – dal 2010 ad oggi, è cambiato il modo, se si considerano i tagli per 500 milioni di euro che hanno riguardato la nostra sanità regionale, non trascurando, comunque, quanto è avvenuto in 15 regioni su 20 che sono state commissariate e dove i tagli sono stati più drastici”.
Il segretario regionale, Comi, ha in pratica concluso i lavori. sottolineando in primo luogo che incontri del genere “ci mettono in contatto con il territorio – ha sostenuto – in un momento di crisi vera e profonda, per cui ci consentono di formulare una proposta politica”. Per quanto riguarda la scadenza delle amministrative regionale del 2015, Comi ha detto che si rende necessario “in primo luogo parlare di progetti e non di candidature” e, dando atto al lavoro portato avanti da Spacca, si è detto convinto che “nei criteri di scelta di un candidato emancipato – sono le sue testuali parole – si deve premiare il merito e non la carta di identità”. In merito alle primarie, alle quali alcuni hanno fatto accenno, ha puntualizzato che “sono uno strumento utile previsto dalla statuto del partito, ma solo se manca una candidatura forte”.
Da sinistra: Mirella Franco, Teresa Lambertucci, Francesco Comi, Sara Gianni, Angelo Sciapichetti.
(Foto di Romano Mandozzi)
image

1 Response

  1. Cristian ha detto:

    Sembra che quelli che stanno dietro al tavalo abbiano tutti il mal di denti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *