MOSTRA ATANASIO SOLDATI AL NINO CAFE’ DI MACERATA

Ho all’attivo oltre 200 mostre dove ho cercato di affrontare i temi della Storia dell’Arte attraverso i Protagonisti, intesi come Gruppi e Movimenti come spiccate individualità.
Questa volta per me è una mostra che oltre a vedere il percorso di ATANASIO SOLDATI tra i pionieri dell’Astrattismo Italiano con amici di viaggio come REGGIANI, RHO, RADICE, LICINI, MAGNELLI, attraverso Disegni e Composizioni che vanno dal 1942 al 1952, ricorda EDOARDO BRANDANI.
Forse molti di voi non lo ricorderanno anche se in più occasioni è stato ospite del territorio maceratese, ma EDOARDO BRANDANI è stato un “fedele servitore” dell’Arte in tutta la sua bellezza, in tutte le sue difficoltà ed in tutte le sue regole.
Instancabilmente ha girato in lungo ed in largo l’Italia, sempre vicino ad Artisti, Galleristi, Mercanti, Critici, Studiosi ed il suo approccio è stato sempre contraddistinto da umiltà e rispetto, ascoltando sempre chiunque chiedesse consiglio o suggerimento.
Tra le tante città Roma è stata la sua seconda casa; rapporti con Artisti come Giorgio de Chirico e Umberto Mastroianni, critici come Enrico Crispolti e Giorgio Di Genova, galleristi come Fabio Sargentini e Enrico Todi, solo per citarne alcuni.
A tal proposito non bisogna dimenticare il grande lavoro editoriale per la realizzazione del Catalogo Generale dell’opera grafica di Giorgio de Chirico, un’opera completa che va ad aggiungersi a quella del Ciranna.
Altresì occorre sempre tener presente il lavoro straordinario quanto faticoso, in tutti i sensi, della STORIA dell’ARTE ITALIANA per GENERAZIONI “ costruita” assieme a GIORGIO DI GENOVA, a cui va il mio immenso plauso.
Per ricordare EDOARDO non basterebbero intere pagine, per me è stato un Amico ed uno dei miei Maestri che ogni qualvolta “interrogo” prima di operare e muovermi in questo mondo meraviglioso che è l’ARTE.
Di ATANASIO SOLDATI forse di pagine ce ne vorrebbero altrettante, la mostra di Macerata è molto significativa sotto diversi aspetti, primo su tutti le genuinità del gesto e la profondità del pensiero; su ciascun foglio potremmo ammirare tutti i passaggi prima di arrivare all’opera finita, un insieme di tracce, di immagini, di segni, di introspezioni che ancora una volta attestano SOLDATI come uno dei Padri della nostra Arte Astratta.
La mostra aprirà domenica 2 Agosto 2020 e terminerà il 4 Ottobre 2020, gli orari sono quelli del NINO CAFE’, ancora una volta al centro delle attività artistiche e culturali della città di Macerata. (Daniele Taddei) (

1 Response

  1. Cesare ha detto:

    Itinerari che non vanno persi, un gran lavoro che contribuisce a tenere sempre presente che l’arte non muore mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *