MICUCCI, SQUALLIDO IL TENTATIVO DI FDI DI APPROPRIARSI DI MANCINI”

Mancini testimonial delle Marche viene utilizzato da Fratelli di Italia per promuovere il partito. Una scelta quest’ultima che scatena non poche critiche.
“La Regione Marche – scrive l’ex consigliere regionale del Pd Francesco Micucci – ha individuato come testimonial il CT della nazionale Roberto Mancini: ottima scelta!
Trovo squallido che Fratelli d’Italia approfitti di questa situazione per utilizzare in maniera subdola la foto del CT come sponsor del partito, con tanto di simbolo!
Roberto Mancini come CT della nazionale è patrimonio di tutti e non può essere utilizzato con uomo di parte. Anzi, spero sia lui per primo a chiedere al Presidente Acquaroli di evitare questa strumentalizzazione, peraltro dannosa per la Regione stessa.
Ci vuole rispetto per le persone e rispetto istituzionale!”
Per Giulio Silenzi si tratta di” una vergognosa e inaccettabile strumentalizzazione. Non si era mai vista una cosa così. Solo Ciccioli, con la sua cultura neofascista, poteva farla. Mancini e’ testimonial di tutti, della Regione e non deila Fiamma dei Fratelli d’Italia.”
Quello di Roberto Mancini come testimonial è tra l’altro un ritorno. Nel 2000 infatti, fu scelto dall’assessorato regionale a rappresentare le Marche.”
“Nel 2000 – ricorda Silenzi – come assessorato regionale al turismo scegliemmo infatti proprio lui (allora era tra i calciatori migliori del campionato) per rappresentare le Marche. La campagna promozionale, che seguiva quella con Valentina Vezzali “Colpiscono al cuore le Marche” e Valentino Rossi “Una marcia in più”, aveva come titolo “La mia squadra del cuore sono le Marche”. Ricordo che dall’inizio del mese di gennaio del 2000, andarono in onda spot televisivi con i luoghi più suggestivi della Regione con Mancini che tra una rovesciata e un colpo di testa, in abito elegante, invitava a visitare le Marche. La regia fu di Gabrio Marinelli, la campagna grafica e comunicativa fu curata da Luigi Giuliano dell’Iceberg di Macerata e il coordinamento per l’assessorato Regionale al Turismo fu di Stefano Gregori.
La campagna promozionale trovò spazio anche sui treni e nelle stazioni ferroviarie con una cartellonistica avvincente. Fu presentata a Roma alla presenza di tutti i Mass Media e destò stupore ed ebbe successo l’aver abbinato un grande campione ad un prodotto turistico in uno spot tv. Fu infatti una novità assoluta per la comunicazione pubblicitaria in Italia.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *