MARIA ROSA BERDINI NEL GIORNO DEL SUO COMPLEANNO FIRMA LA RICHIESTA DI PENSIONE

img_7559

Ci sono vite, storie, che si legano indissolubilmente alla storia della città. Nel dolore, nella gioia, nel quotidiano. Quella di Mariarosa Berdini è una di queste. Il suo è un cognome che negli ultimi cinquanta anni si è intrecciato con gli eventi più significativi di Civitanova e lo sa bene chi ha conosciuto suo padre, indimenticabile Vincenzo, chi l’ha tenuta abbracciata e con lei ha pianto nei giorni della tragedia che ha colpito la famiglia con la morte della sorella Marialetizia, uccisa da un criminale lancio di sassi su una autostrada del nord Italia. Mariarosa ha attraversato questa storia con la forza e la genuinità di una figlia di questa città, di quel popolo civitanovese di cui bene incarna le virtù: fierezza, tenacia e generosità. Lo ha fatto in ogni ambito, nel privato e nel pubblico, lei che tutta la sua attività professionale l’ha vissuta al servizio della città, dipendente comunale per tantissimi anni nei settori finanze, urbanistica e turismo. Un tuttofare Mariarosa, un donna dal cuore grande grande, dentro cui hanno trovato spazio anche i terremotati del maceratese per i quali ha mosso mari e monti nei momenti dell’emergenza e dopo. Sempre al servizio delle amministrazioni che si sono succedute e, soprattutto, dei cittadini. Fino a ieri. Ieri il passo di addio da quel lavoro che tanto ha amato, la richiesta di andare in pensione. Un giorno che sembrava non dovesse arrivare mai per lei che al Comune e alla città di Civitanova ha dato tutta se stessa. Con il cuore gonfio e il groppo in gola ha firmato quella lettera. Scende il sipario su un capitolo della sua vita. Altri progetti la attendono perché una come lei, con quel cuore, quella energia positiva e generosità guarda già verso un orizzonte di altri impegni. Oggi è anche il suo compleanno e la coincidenza delle date ha anche il senso di una rinascita, nel segno e nel percorso che lei deciderà. Tanti auguri Rosa per la tua nuova vita, i nuovi progetti e sogni. Tanti auguri da una città che ha ancora bisogno di te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *