“LE NEOPLASIE TORACICHE: OPINIONI A CONFRONTO NELLA REGIONE MARCHE”

img_8839

Gli oncologi marchigiani si sono riuniti per parlare di oncologia toracica insieme agli specialisti che contribuiscono alla gestione dei pazienti, proseguendo nel percorso di condivisione delle buone pratiche in ambito oncologico.

Nove le sessioni: Tumore polmonare la buona diagnosi, Diagnosi anatomo-patologica e biomarcatori, Tumor Mutational Burder (TMB) biopsia liquida promesse e limiti, Carcinoma polmonare non a piccole cellule il percorso ottimale nella malattia avanzata non oncogene addicted, Carcinoma polmonare non a piccole cellule il percorso ottimale nella malattia avanzata oncogene addicted, Carcinoma polmonare non a piccole cellule il percorso ottimale nella malattia localmente avanzata (stadio III), Carcinoma polmonare a piccole cellule controversie e prospettive future, Quando il tumore non è il target l’iponatremia nel paziente oncologico, Neoplasie toraciche rare (neoplasie timiche, mesotelioma) il percorso ottimale.

Responsabile scientifico la prof.ssa Rossana Berardi direttore della Clinica Oncologica Università Politecnica delle Marche Azienda Ospedaliero Universitaria, Ospedali Riuniti Ancona che ha curato l’introduzione ai lavori.
Sono seguiti i saluti delle autorità: Sauro Longhi Rettore Università Politecnica delle Marche, Michele Caporossi Direttore Generale Ospedali Riuniti di Ancona, Marcello D’Errico Preside Facoltà di Medicina Università Politecnica delle Marche, Fabrizio Volpini Presidente IV Commissione Salute Regione Marche e Luca Ceriscioli Presidente Regione Marche.

“I tumori del polmone rappresentano tumori ad elevata incidenza e mortalità – ha detto la prof.ssa Berardi – con 42.500 nuovi casi stimati per il 2019. L’incidenza negli uomini è in riduzione, mentre si assiste ad un aumento del 2,2% annuo nelle donne principalmente per la preoccupante abitudine al fumo”.
Rossana Berardi ha inoltre parlato delle grandi novità in ambito terapeutico con l’introduzione di farmaci a bersaglio biomelocolare e dell’immunoterapia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *