LA FESTA DI SANTA BARBARA DEI VIGILI DEL FUOCO DI CIVITANOVA RACCONTATA DALLE FOTO

Con la messa celebrata nella caserma divia Aldo Moro da padre Luciano Genga, che prima di indossare le vesti di religioso è stato per dieci anni un vigile del fuoco a Macerara, si è chiusa la festa di Santa Barbara nel Distaccamento di Civitanova. Un evento che ogni anno vede la ‘casa’ dei vigili del fuoco trasformarsi un un luogo che accoglie, accanto agli operativi, anche i pompieri andati in pensione, ma che con il cuore continuano a stare ogni giorno al fianco dei colleghi in servizio, e i civili amici del Corpo. La giornata dedicata alla santa patrona è da sempre una occasione per stare insieme, riflettere sul valore della prevenzione e sull’importanza degli investimenti sulla sicurezza, e per fare il bilancio dell’attività di un anno che si va chiudendo con il cambio della guardia al vertice del Distaccamento che ha un nuovo capo, Fausto Colotto. E’ stato lui a fornire i dati del 2015,
chiuso con quasi 1.600 interventi di cui 239 su incendi, 119 negli incidenti stradali, 167 i salvataggi, 20 i recuperi per soccorsi, circa 900 gli interventi tra i pià svariati. Sono 36 i vigili del fuoco in organico al Distaccamento di Civitanova e ogni giorno impegnati per garantire la sicurezza dei cittadini. Al tradizionale pranzo di Santa Barbara, cucinato e apparecchiato in caserma, hanno partecipato per il comando provinciale di Macerata Stefano Tasso, il vice sindaco Giulio Silenzi, tutto il vertice dell’Atac. Alla messa presenti anche il capitano della Compagnia dei carabineiri Enzo Marinelli, il comandante del porto Michele Grottoli, il presidente della Croce Verde Cesare Bartolucci.

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *