INVESTE UN DISABILE E FUGGE. E’ STATO UN 80ENNE

E’ stato tradito da un giubbotto rosso, tipico indumento utilizzato per la caccia al cinghiale, Gino Cecchini, 80 anni, residente ad Ancona, che sabato sera, alla guida di una Renault Kangoo grigia, ha investito a Montecarotto (Ancona) Vittorio Landi, 50 anni, disabile poi deceduto. E’ stato individuato dagli uomini della Polstrada di Jesi e dagli agenti di pg del compartimento di Ancona e denunciato per omicidio colposo, fuga e omissione di soccorso. L’arresto non è scattato per l’avanzata età dell’uomo e per i suoi problemi di salute. “Pensavo di aver investito un cinghiale”, ha tentato di giustificarsi con gli agenti della polizia stradale. Gli sono stati sequestrati l’auto (che aveva perso parte della gemma del fanale anteriore destro), un fucile da caccia Benelli cal. 12 e il giubbotto rosso. Per l’ottantenne, che poi ha accusato un lieve malore, è scattato il ritiro della patente per la sospensione. Dopo l’incidente, aveva citofonato in un’abitazione, dicendo che c’era un uomo investito e ferito sulla strada e che lui non riusciva a telefonare: il padrone di casa, che aveva allertato il 118, aveva descritto ai poliziotti il giubbotto di Cecchini, testimonianza risultata decisiva nell’indagine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *