INDAGINI CHIUSE, CARABINIERE DOVRA’ RISPONDERE DI CALUNNIA. IL MILITARE IN SERVIZIO A CIVITANOVA

CARABINIERI
CARABINIERI

La Procura di Macerata ha chiuso le indagini che vedono coinvolto un carabiniere in servizio a Civitanova accusato di calunnia nei confronti di un superiore. Il militare, secondo l’accusa, pur sapendo come si erano svolti i fatti, avrebbe accusato un suo superiore. Nel corso di un processo civile nei confronti del collega avrebbe dichiarato il falso disconoscendo anche la firma sul verbale di sommarie informazioni rese da una persona sentita in merito ad una vicenda di droga e avrebbe negato di aver partecipato a una perquisizione avvenuta nel 2013. Le indagini hanno infatti permesso di appurare che la firma era proprio del carabiniere e per lui è scattato perciò il reato di calunnia. Ora la Procura ha chiuso le indagini e il militare ha la possibilità di chiedere di essere sentito dal magistrato per dare la sua versione dei fatti o di presentare una memoria difensiva per dare la propria ricostruzione di quanto accaduto. Intanto in città la notizia ha suscitato non poca curiosità visto il coinvolgimento di un esponente delle forze dell’ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *