IL VARCO SUL MARE, SPLENDIDA CORNICE PER IL TEATRO DELLA COMUNITÀ

Marco Zamponi, Luca Moretti Paolorosso, Domiziano Natalini, Antonella Cestola, Silvia Lambertucci, Donatella del Carpio, Giorgia Belforte, Monia Ciminari, Stefano Bianchi, Riccardo Roccoli, Maria Lucia Achenza, Valerio Battistelli, Natalia Stefova, Marco Martinelli, Massimo Carloni (chitarra e voce), Baye, Jasmin Sacic, sono i magnifici interpreti dello spettacolo del Teatro della comunità di Civitanova Marche. Uno spettacolo corale, intenso, poetico, comico, drammatico questo settimo progetto in città, diretto da Tanya Khabarova e Marco Di Stefano, “Io che amo solo te” dedicato a Sergio Endrigo. 102esimo della sua trentennale storia internazionale in 18 paesi del mondo, nato nelle Marche dalla intuizione di Marco Di Stefano con la creazione del festival di Amandola che tante persone ha ispirato, il Teatro della Comunità si è poi, via  via ricreato in luoghi non sempre molto agevoli come l’Hotel House di Porto Recanati, la nave Alma nel porto di Ancona, ma anche nei meravigliosi Teatri classici come il Ventidio Basso di Ascoli Piceno, il Marchetti della sofferente Camerino, il Lauro Rossi, il Rossini sempre pieno per questa occasione è quest’ anno invece all’aperto al Varco sul mare. Un Teatro popolare, sociale, senza inviti sulle prime file, partecipato, che stimola alla vita e allo sviluppo delle potenzialità di ognuno di noi. La fantasia e la libertà di espressione senza censura sono al centro di questo progetto e la diversità è vista come risorsa e non come un limite. Il Varco sul mare nella sua nuda e semplice forma ha fatto da cornice allo spettacolo del cielo, della luna e del vento fresco odoroso di salmastro. Gli Attori al centro dell’Arco e il pubblico a semicerchio, un teatro semplice e diretto che ha toccato il cuore di chi si è fermato ad ascoltare e vedere e di chi si è fatto rapire dalla concentrazione degli attori. Un luogo magico il Varco sul mare, che va protetto e preservato per le attività di tutti i cittadini e non contaminato con parcheggi inutili e inquinanti. Una Agorà dove veramente si possa godere uno spettacolo (speriamo il ristorante in arrivo nella palazzina si adegui alle necessità) senza essere circondati da auto in movimento come spesso accade nella piazza del comune.

Il teatro, le arti performative, hanno bisogno di silenzio che è musica e concentrazione impossibili in piazza xx settembre (adatta a eventi da 10.000 persone). Bene, nonostante la partita dell’Italia nello stesso orario, molte persone hanno assistito in numero crescente e applaudito commossi ed entusiasti alla fine l’attrice Rosetta Martellini, che ha aperto le danze con una splendida poesia d’amore. Il gruppo di tango (Francesco Sacripanti, Irene Coccia, Giorgio SCattolini e molti altri) ha trasformato lo spettacolo in una milonga dolce che ha chiuso…aperto? la serata in mezzo agli attori, diretti e allenati da Marco Di Stefano e Tanya Khabarova. Tra  loro, Stefano Bianchi, attore e scrittore cresciuto con il teatro della comunità.

Insieme ai numerosi cittadini anonimi che hanno dato contributi economici, gli organizzatori hanno voluto rivolgere un grazie speciale a Tommaso Corvatta che ha fatto molto per il teatro e per la salute del regista e a Giulio Silenzi, Daniele Angelini, Massimo Mobili, Andrea Foglia, Marisia Ciavattini, Mirko Ciavattini e molti altri che, in assenza ingiustificata del contributo da parte dell’aamministrazione comunale attuale, si sono fatti carico delle spese minime per la realizzazione del teatro della comunità, come era già accaduto lo scorso anno con la bella serata sulla spiaggia del Veneziano.

img_8613 img_8614 img_8615

1 Response

  1. Tina ha detto:

    Fortissimi e bellissimi Ricordi di tempi passati.. Grande Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *