IL PERUGIA CON PAOLO ROSSI NELL’AMICHEVO0LE CON LA CIVITANOVESE

A ricordarci della presenza di Paolo Rossi nell’amichevole con il Perugia che si è disputata nel Polisportivo, una prima volta, nell’agosto 1979, è stato il dirigente dei Rossoblu di quegli anni, Giovanni Gibosini, che dal ciclismo, che aveva praticato in gioventù con ottimi risultati, si era avvicinato al calcio e in particolar modo alla Civitanovese. Il Presidente della stagione 1979-80 era stato Francesco Verdini, che vide la squadra concludere il campionato n C2 al terzo posto, portandola nell’anno successivo nella prestigiosa promozione in C1. Ad allenare la squadra Aldo Sensibile.
“L’occasione di invitare il Perugia che stava comportandosi molto bene in Serie A – ci ha ricordato Gibosini – veniva a coincidere con l’inaugurazione del nuovo impianto di illuminazione del Polisportivo, quello che ancora esiste, per cui presi ben volentieri contatti con i dirigenti della formazione umbra, con i quali avevo buoni rapporti di amicizia. Come si ricorderà il Perugia si era messa in bella evidenza nei campionati precedenti fino a raggiungere la serie A. Ben volentieri i dirigenti dei “grifoni” accettarono l’invito e l’amichevole si disputò con gli spalti del Polisportivo gremitissimi ”.
Nell’amichevole a guidare l’attacco del Perugia c’era Paolo Rossi che in quel campionato mise a segno tredici gol, ma al Polisportivo fu il “portierone” Fabio Brini a parare un rigore tirato proprio da quello che poi divenne il Pablito nazionale.
Con il Perugia la Civitanovese disputò un’altra amichevole nell’81 ma in quella occasione Rossi non ci fu in quanto era incappato nella sofferta squalifica di due anni fino all’aprile 1982. La prima amichevole si concluse con il risultato di 1-2 (per i Rossoblu gol di Bizzarri), la seconda con un sonante 1-5.
A Giovanni Gibosini va perciò la nostra gratitudine e ben volentieri pubblichiamo la foto, scattata nell’hotel Roma, dove la squadra umbra pernottò e che lo vede accanto allo storico Polo Rossi, che il calcio del mondo sta piangendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *