IL COMUNE VINCE NELLA CAUSA INTENTATA DALLA CONCERIA TIRRENA

Buone notizie per il Comune di Civitanova a cui il Tar ha dato ragione nella causa intentata dalla Conceria Tirrenia S.p.a., insieme ad Inosot S.p.a., Formificio Romagnolo S.p.a., Umberto Lattanzi e Aurelio Vitali.
Il Tribunale Amministrativo, ha ritenuto le censure dei ricorrenti infondate, ravvisando la legittimità dei provvedimenti comunali impugnati. Finalmente il Comune vince una causa importante.
In particolare i ricorrenti chiedevano al Tar l’annullamento dei provvedimenti rilasciati dal Comune alla società Italiana Carburanti S.r.l. che riguardavano la strada sulla quale sorge l’impianto di distribuzione di carburante tra Via Einaudi e Via Sonnino ed il suo ampliamento, in quanto a loro dire, Via Einaudi sarebbe stata classificata come strada di tipo D: ovvero come strada urbana di scorrimento.
In virtù di tale classificazione, secondo la tesi dei ricorrenti, la fascia di rispetto stradale prevista dalla legge avrebbe dovuto essere di 20 metri, parametro questo non rispettato dall’impianto in esame.
Il Tar ha appurato che Via Einaudi non è stata classificata come strada di tipo D, né dalla competente autorità comunale, né da altre amministrazioni, e pertanto le distanze sono conformi a quanto previsto dalla legge. I ricorrenti, tra l’altro, sono stati condannati in solido al pagamento delle spese della verificazione liquidate in € 1.389,49.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *