GENZANO: IN PRIMO PIANO IL METODO ARHEOLOGICO DI GALIÈ

Grande attesa, ci ha comunicato il presidente del Centri Studi Civitanovesi, Alvise Manni, per la prima nazionale della presentazione del METODO ARCHEOLOGICO di Vincenzo Galiè, (nella foto), noto cultore di storia locale marchigiana, soprattutto dei periodi romano e medievale, che avverrà alle ore 17 del 28 novembre nello storico palazzo Sforza-Cesarini di Genzano.  Si tratta di un metodo geniale, alla Sherlock Holmes, che ha permesso all’originale sacerdote marchigiano di scoprire  la città romana di Truentum, da cui partiva la strada Salaria per Roma. Nonostante  con le sue 83 pubblicazioni alle spalle  egli abbia individuato nelle Marche le città romane  ancora sepolte di Cluana, Veregra, Colonia, Potentia, Interamnia, Cluentum, il suo metodo viene volutamente ignorato da esperti, accademici ed Enti preposti che  non ne hanno compreso la portata, la potenza,e la genialità.
Precisa Carlo Gentili, autore del libro: “Chiusi nella  propria autoreferenzialità,  accademici, archeologi,  universitari,  Enti preposti all’archeologia  snobbano gli studi geniali di questo  innovatore rivoluzionario. Galiè, infatti, grazie ad uno studio rigoroso di mappe antiche,   polverosi testi e documenti vari- riesce ad individuare la presenza sotterranea di anfiteatri romani e città romane sepolte dal terreno.  Ultimamente, a proprie spese, utilizza anche uno strumento al georadar  che, come una radiografia, gli consente di “leggere” il terreno ad una profondità di 5 metri confermando le proprie tesi.  Siamo di fronte ad un  complotto?  Di fronte ad un novello Meucci o ad un Marconi nel campo dell’archeologia? A Genzano sveleremo l’arcano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *