FRINCONI, CIARAPICA CONTRADDICE LE PROMESSE FATTE IN CAMPAGNA ELETTORALE

img_20200209_112756

Le dichiarazioni del sindaco e dei consiglieri durante l’ultimo consiglio comunale sono in contraddizione con quelle fatte da Ciarapica in campagna elettorale, durante la quale il sindaco ha dato voce a grandi promesse sul centro storico della città alta, sbandierando ripetutamente che la sua priorità sarebbe stata di incentivare le attività produttive creando una “no tax area”, grazie alla quale i commercianti del borgo sarebbero stati esentati dal pagamento delle tasse! E questa promessa l’attuale sindaco l’ha a tal punto sfoggiata e divulgata che, nella città alta, gli elettori lo hanno premiato col 70% delle preferenze. Peccato davvero! Dopo 3 anni Ciarapica, come testimoniano gli stessi residenti, per Civitanova alta non ha fatto nulla! Abbandono e immobilismo, che si riflettono inevitabilmente sulle attività produttive di ogni settore, ormai la fanno da padroni. Durante l’ultimo consiglio comunale, l’assessore al bilancio Belletti ha dichiarato che saranno stanziati nel prossimo bilancio di previsione 80mila euro totali per incentivare le attività produttive di tutta la città, cifra nella quale sono compresi anche gli stanziamenti della città alta! Una presa in giro senza precedenti, la cifra è veramente irrisoria e deve essere ripartita fra Civitanova “porto” e la città alta! Questo contributo, scandalosamente misero, non può in alcun modo incentivare le attività produttive e non è abbastanza per costituire una visione progettuale del futuro di Civitanova alta! Se solo questo è quello che vuole mettere in campo il sindaco, allora c’è davvero molto da preoccuparsi e da rimanere, a dir poco, allibiti! Ma come il programma di Ciarapica recitava testualmente tra le priorità: ”Rilancio commerciale di Civitanova alta mediante l’istituzione di una no tax area per sostenere e incentivare l’apertura di nuove attività economiche”. Del tutto legittimo a questo punto è chiedersi, dopo ben 3 anni di mandato, dove si trova nel bilancio illustrato dalla Belletti l’area di non pagamento delle imposte, in quale capitolo ed in che modo il sindaco e gli assessori competenti intendono dare attuazione a quello definito nel suo programma elettorale “rilancio commerciale di Civitanova alta”? La realtà dei fatti parla chiaro e narra di una città alta abbandonata a se stessa, in cui non è stato valorizzato nulla e non è stato previsto neanche un investimento serio ed efficace che potesse dare corso a quanto promesso.

Il segretario PD Civitanova
Guido Frinconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *