FALSE FATTURAZIONI, RINVIATO AL 16 LUGLIO IL PROCESSO CHE VEDE IMPUTATO LO STILISTA CIVITANOVESE DONATO GIANNINI

E’ accusato di truffa e falso per una presunta emissione di fatture per prestazioni inesistenti lo stilista civitanovese Donato Giannini che questa mattina e’ comparso davanti al giudice presso il tribunale di Macerata. Si parlerebbe di circa 7mila euro che l’imprenditore avrebbe ottenuto fatturando lavori mai commissionati dalla società Linea azzurra srl. Giannini e’ inoltre accusato di calunnia per aver sporto denuncia per una presunta truffa nei confronti del legale rappresentante della Srl che gli chiedeva la restituzione dei 7mila euro in questione. Il processo e’ stato rinviato al 16 luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *