DOPO LA SCOSSA DI TERREMOTO CHIUSO PER PRECAUZIONE L’AUDITORIUM SANT’AGOSTINO A CIVITANOVA ALTA

civitanova-dallalto1Chiuso, per precauzione, l’auditorium Sant’Agostino di Civitanova Alta. Dopo la forte scossa di terremoto di questa notte, disposte dal Comune verifiche alla ex chiesa che in questi giorni ospita la mostra di Tullio Crali nell’ambito del festival Futura. Nessun problema invece per la chiesa di San Francesco. E’ il bilancio dei primi sopralluoghi effettuati dall’ufficio tecnico comunale, questa mattina impegnato a valutare se il sisma della notte scorsa ha lasciato ferite in città. Danni si sono verificati anche al cimitero di San Marone, con parziali distacchi dei fregi dalla cappella funebre della Società Operaia di Mutuo Soccorso. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e hanno transennato l’area. Al distaccamento dei pompieri di Civitanova sono una dozzina le chiamate ricevute, ma quasi tutte provenienti dalla zona di Porto Recanati. A Civitanova ci sono state state crepe sulla strada tra vie Indipendenza e Custoza, ma le verifiche hanno appurato che si trattava di un problema di asfalto sconnesso. In queste ore l’ufficio tecnico e’ comunque impegnato a effettuare controlli e sopralluoghi sul territorio. La scossa delle 3.32, forte e prolungata, arrivata alla stessa ora del terremoto di l’Aquila, e’ stata di magnitudo 4.9 Richter, avvertita in tutta la regione e anche in Abruzzo, Umbria e Lazio. Un’altra scossa di intensità 4 e’ stata avvertita alle 5.07 e l’ultima, di 2.5, alle 7.40. Epicentro in mare, a 8,4 chilometri dalla costa, tra Numana, Sirolo e Porto Recanati. Tanta paura e ansia. A Civitanova e lungo tutta la costa la gente si e’ riversata in strada e qualcuno ha anche dormito in macchina in preda al terrore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *