CIVITANOVESE SULL’ORLO DEL BARATRO. DOMENICA FORSE NON SI GIOCA

I giocatori e tecnici della Civitanovese si sono riuniti oggi pomeriggio nello spogliatoio, attorno alle 14,30, con il vice presidente vicario dell’Associazione Nazionale Calciatori, avv. Umberto Calcagno (nella foto), l’altro vice presidente è Gigi Buffon, e il consigliere nazionale della stessa associazione, Andrea Fiumana, e hanno approfondito il delicato momento della Civitanovese e, in particolare, le inadempienze riguardo al pagamento delle competenze. Ovviamente non abbiamo notizie di quanto è stato approfondito in quel luogo, ma dopo circa un’ora di colloquio l’avv. Calcagno ha gentilmente fatto l’esame della situazione. “In primo luogo devo sottolineare – ha detto – l’alta professionalità dei giocatori per il fatto che hanno pazientato troppo a lungo nella speranza che i loro problemi si potessero risolvere. E’ perciò molto strano che questa situazione non sia emersa prima. Al punto in cui si è giunti, non ci sono condizioni per andare avanti, per cui se questi presupposti rimarranno inalterati nelle prossime 48 ore, i giocatori domenica si asterranno dallo scendere in campo”. L’avv. Calcagno ha accennato al fatto che questa è l’unica possibilità che hanno giocatori dilettanti che non beneficiano di accordi economici. Cercherò di verificare quanto è emerso oggi in Lega, a Roma, nell’incontro richiesto da una delegazione del luogo e alla quale ha partecipato l’assessore”. Calcagno ha anche ricordato di aver giocato in forza al Trani proprio al Polisportivo e ricordò che in un’occasione segno un gol nella porta lato sud. Forse si riferiva alla gara Civitanovese-Trani, quarta di ritorno del campionato di C2 1989-90, quanto i pugliesi vinsero per 1-0.
Poco da aggiungere a quanto è stato riferito dal vice presidente dell’AIC. Quando abbiamo riferito ha Mecomonaco il commento fatto dal dirigente dell’associazione sulla tardiva segnalazione dell’accaduto, l’allenatore ha detto che “per lo meno ora – ha commentato – abbiamo 40 punti ed è una possibile soglia di salvezza.
Cosa accadrà se la Civitanovese non giocherà domenica a Celano? Avrà partita persa per 3-0 e così sarà per le altre due gare successive, dopodiché sarà radiata.
Non abbiamo notizie precise invece sull’incontro che c’è stato in Lega al quale hanno partecipato l’avv. Diego Perrone, alcuni tifosi e, come abbiamo detto, l’ass. Balboni. E’ giunto solo ai tifosi un messaggio in cui è detto che tutto è andato bene. Come è possibile la delegazione civitanovese potrebbe aver chiesto alla Lega l’applicazione dell’art. 16 del Noif (norme organizzative interne della FIGC) che prevede la “decadenza e revoca di affiliazione”. Un iter però che non si risolve velocemente (Vittorio De Seriis).
p.s.
E’ doveroso aggiungere che nel riferire che tutte le utenze di energia elettrica della sede e del Polisportivo sono state ripristinate, in un comunicato stampa la Civitanovese ha sottolineato che “il Presidente Luciano Patitucci ha annunciato di star lavorando con il massimo impegno, senza assolutamente scappare, come da più parti lo si accusa”.

1 Response

  1. goffredo ha detto:

    si gioca,probabilmente scenderà in campo misto juniors e giocatori prima squadra,notizie bomba da fonti attendibili,per il titolo 2016 la ffgg cederà all’amministarzione la gestione della società,che a sua volta verrà ceduta con le dovute garanzie ad nuovi proprietari,in primis ci sono inprenditore civitanovese insieme ad un altro personaggio molto esperto e navigato nel mondo del calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *