CIVITANOVA: ARRIVA LA RESIDENZA PER LA BAMBINA “FANTASMA”. DI LEI NESSUNA TRACCIA ALL’ANAGRAFE

palazzo-sforza-municipio_2L’Ombudsman delle Marche Italo Tanoni aveva chiesto l’intervento del Garante nazionale per l’infanzia per il caso di negata residenza nel Comune di Civitanova a una bambina straniera, che vive in un camper con la famiglia in un’area di di residenza è stata accettataprivata.  L’Ufficio anagrafe aveva detto no in quanto un campo di sosta camper è in linea di principio considerato dimora temporanea. Ora però dal Comune è arrivata la notizia che la domanda di residenza è stata accettata in quanto gli uffici comunali non hanno risposto entro 45 giorni dalla richiesta facendo perciò  scattare l’automatica concessione sulla base del silenzio assenzo. La vicenda però è ancora ingarbugliata. La bambina che va a scuola regolarmente, nella pratica inoltrata dalla madre il 13 febbraio scorso non viene citata e la richiesta fa riferimento soltanto alla donna, una spagnola di etnia Rom. Insomma in base alle dichiarazioni rese dalla mamma la piccola sarebbe un fantasma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *