CIVITANOVA “A BRACCIA APERTE”

image164Si chiamerà “A braccia aperte – Civitanova solidale” la manifestazione che l’Amministrazione comunale di Civitanova Marche sta organizzando per il prossimo fine settimana. Una serie di momenti di spettacolo, intrattenimento e riflessione, per sottolineare l’importanza del senso di comunità. Sabato scorso la presentazione dell’iniziativa in sala giunta, alla presenza del sindaco Tommaso Claudio Corvatta, degli assessori Antonella Sglavo e Doriana Mengarelli, di sponsor e rappresentanti di organizzazioni che hanno deciso di aderire alla proposta. “L’idea di promuovere momenti di questo genere – spiega il primo cittadino – viene dalla convinzione che sia importante costruire un tessuto sociale più integrato. Civitanova è cresciuta in modo impetuoso da un secolo a questa parte, con un boom demografico che ha portato qui migliaia di persone, spinte dalla ricerca di lavoro e di condizioni economiche migliori. Quando il benessere è andato in crisi, credo si sia sentita la mancanza di un tessuto sociale consolidato. Questa amministrazione ritiene ci sia bisogno di restituire fiducia alla nostra gente, di riscoprire il senso di comunità, di riconoscere nel vicino il proprio prossimo e di lavorare per una più solida coesione sociale. Questa festa è solo l’inizio di un percorso”. A braccia aperte interesserà sia la città alta che l’area costiera, vedrà il coinvolgimento di decine di associazioni civitanovesi, che avranno spazi espositivi in piazza XX settembre. Due gli eventi serali, il sabato con la banda di Manfredonia, città che già da diversi anni organizza la festa della solidarietà, e la domenica con il concerto tributo a Renato Zero. Parteciperà alla rassegna anche don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco, che proprio in questi giorni celebra i suoi 70 anni con la pubblicazione del libro La finestra sulla strada, in cui racconta una vita di servizio agli ultimi. Alla manifestazione hanno contribuito come sponsor l’Hotel Miramare, il Civita Center e Gas Marca. Collaboreranno l’associazione Acc e Confcommercio, oltre a tutte le associazioni che compongono la Consulta dei servizi sociali o che comunque operano nel campo della promozione sociale e culturale.
“A braccia aperte non vuole essere una semplice iniziativa – conclude l’assessore ai servizi sociali Antonella Sglavo – si pone piuttosto l’obiettivo portare avanti un’azione culturale volta a superare gli individualismi, sensibilizzando alla solidarietà, non solo materiale. Importantissimo è stato il coinvolgimento anche delle scuole perchè la solidarietà è un obiettivo educativo a cui gli insegnanti e i genitori, gli adulti tutti devono tendere. Educare alla solidarietà ponendo in essere una vera e propria continuata educazione culturale verso questo importante valore. Le scuole infatti in questa settimana stanno procedendo a sensibilizzare i loro studenti con dei lavori: disegni, poesie, temi che verranno esposti in piazza XX settembre nella giornata di domenica. Importante è scoprire il valore delle relazioni umane e fin da piccoli insegnare a i propri figli che questi sani valori nella vita non possono mai essere anteposti al valore del Dio Denaro e delle altre vane certezze materiali dell’esistenza.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *