CINQUE AVVISI DI GARANZIA ALLA CIVITAS. INDAGATI IL VECCHIO CDA, IL REVISORE E IL DIRIGENTE DEL COMUNE

tribunale1

Dopo l’esposto presentato alla Magistratura, sono scattate le indagini della Guardia di Finanza che hanno portato all’emissione di cinque avvisi di garanzia in relazione al mancato introito di 512.000 euro per il mancato pagamento ASUR della tassa dei rifiuti relativa agli anni 2006/2012.
Sono finiti nelle indagini il Presidente della Civitas di allora Brandoni, i membri interni del Comune nel consiglio di amministrazione Melatini e Rinaldelli, il revisore Romagnoli e il Dirigente delle Finanze e controllore delle Partecipate del Comune Passarelli.
L’avviso di garanzia e’ un atto dovuto da parte del magistrato, il Procuratore Giorgio, che sta indagando per verificare se oltre alla negligenza vi sia stato l’abuso di ufficio pluriaggravato in concorso. A partire dal settembre 2017 sono stati sequestrati a piu’ riprese i documenti negli uffici della Civitas da parte delle fiamme gialle per ricostruire la vicenda e capire perché furono fatti scadere i termini per il recupero del credito. Parallelamente anche la Corte dei Conti ha aperto una procedura autonoma per verificare se vi e’ stato danno erariale. Brandoni e’ difeso dall’avvocato Federica Garofalo, tutti gli altri dall’avvocato Cristina Cingolani che e’ anche l’avvocato del Comune per la causa di Villa Eugenia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *