CHIUDE LA PASTICCERIA LA ROMANA. ADDIO A UN PEZZO DI STORIA DELLA CITTÀ

img_7701

Pasticceria La Romana addio. Ieri ultimo giorno di apertura del locale, che dopo 50 anni chiude i battenti. Scende il sipario su un pezzo di storia della città. Il costo dell’affitto troppo alto, la concorrenza aumentata per l’apertura di altri locali in città e poi le mancate politiche pubbliche di rilancio del centro, sempre più penalizzato dall’attrattiva che esercita la zona commerciale periferica. Un po’ tutto ha contribuito alla decisione presa dai titolari che con la morte nel cuore non hanno potuto rinviare una scelta commerciale che impatta con il sentimento emotivo di tutta la città. Ci sono generazioni cresciute con gli aperitivi della Romana e chi non ricorda il cappuccino e la brioche all’alba dopo le nottate passate in discoteca o dopo la notte di Ferragosto trascorsa in spiaggia. Per tantissimi anni La Romana rappresentato l’immagine glamour di Civitanova, la pasticceria storica del Corso, il primo volto che offriva di se’ città a chi usciva dalla stazione ferroviaria e aveva davanti, sullo sfondo, le vele dei cantieri navali e l’insegna della pasticceria. È un addio malinconico, l’ennesima vetrina che chiude lungo corso Umberto, dove prima della Romana altre attività storiche hanno lasciato il passo a catene commerciali e franchising. Ci sarà sicuramente qualcuno pronto a subentrare, magari ancora con un locale pubblico. Ma quell’angolo non sarà più lo stesso. Da oggi prende il suo posto nell’album dei ricordi di Civitanova. E non c’è un Civitanovese che non abbia un suo ricordo legato alla Romana, che non abbia vissuto il piacere di farsi coccolare dalla bontà del prodotto (specie la pasticceria) e dalla professionalità dei titolari e dei dipendenti. Dopo tanta dolcezza gustata, l’amaro di un addio. Grazie di tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *