CASTELFIDARDO – CIVITANOVESE: 4-1. PER I ROSSOBLU Ẻ L’ADDIO ALLA SERIE D

CASTELFIDARDO: Melillo,  Silletti, Maisto, Berardi,  Orlando, Filipponi. Massi, Pigini, Galli, Albanesi (Marconi), Montagnoli.A disp.: Orciani, Silvestri, Negro, Lodi, Giuliani, Alessandrelli, Bordi, Soragna. All. Dario Bolzan.
CIVITANOVESE Busato, Paolucci, Vallesi (8’ pt Silla, 21’ st Serantoni), Cesca, Olivieri, Mancinelli. Fabbri, Speranza, Acatullo, Marengo, Rapagnani. A disp.: Schiavoni, Cerchia, Perugini,  Chierichetti, Domenella, Marziali, Camerlengo. All. Massimo Scoponi.
Arbitro: Fontani di Siena.
Reti: 4’ st Maisto. 15’ st Galli, 24’ st Montagnoli. 28’ st Rapagnani, 41’ st Berardi.
Note: infortunio di gioco per Vallesi costretto a ricorrere ai sanitari per l’applicazione di alcuni punti di sutura alla testa. Recuperi: 5’, 4’.

Castelfidardo –  Mentre la Civitanovese è matematicamente retrocessa, il Castelfidartdo, com’era nelle previsioni, ha cercato di ottenere il massimo contro la giovanissima formazione rossoblu e addirittura è riuscito a “soffiare” alla Recanatese la terz’ultima posizione in classifica per il fatto che la Recanatese è stata raggiunta sul pareggio a Campobasso, dopo aver condotto a lungo in vantaggio la gara. Domenica prossima però il Castelfidardo osserva un turno di riposo e perciò la formazione leopardiana, che ospiterà il tranquillo Pineto, può ancora sopravanzarla. Decisiva sarà perciò l’ultima giornata.
Zeppa come sempre di giovanissimi la Civitanovese che scende in campo al Mancini di Castelfidardo, ma appare subito che non sarà un compito facile per i padroni di casa e così sarà per tutto il primo tempo. La gara inizia con un infortunio che vede subito Vallesi fuori causa e difatti al 5’ il giovane difensore rossoblu è costretto a lasciare il campo in barella. La gara rimane sospesa per circa 3 minuti. Scoponi non ha difensori di ruolo in panchina ed è costretto a sostituirlo con il più esperto dei ragazzi che ha in panchina e cioè Silla. I padroni di casa hanno inizialmente un certo predominio delle operazioni ma la Civitanovese regge bene il confronto. Al 13’ c’è un’incursione degli avanti di casa ma Galli non conclude con precisione. La Civitanovese si fa viva al 28’ con una punizione di Rapagnani e Fabbri al 30’ sfiora addirittura la base di un palo della porta di Melillo. La squadra di Bolzan cerca di stringere i tempi e al 36’ il n. 11 Montagnoli si trova in un’ottima posizione ma viene anticipato da Olivieri. Il più grosso pericolo la Civitanovese lo corre al 50’ pt quando Montagnoli colpisce la base del palo.
Nell’intervallo, Bolzan deve aver informato che la Recanatese è in vantaggio  a Campobasso di conseguenza i bianco-verdi scendono in campo con estrema decisione e ottengono subito il vantaggio: 4’ Maisto anticipa con un pallonetto Busato e al 6’ falliscono il raddoppio con Montagnoli che non riesce a utilizzare al meglio un assist di Albanesi. Ci riescono i padroni di casa al 15’ con una precisa conclusione di Galli e portano a tre il bottino delle reti al 24’ con Montagnoli. La Civitanovese non demorde e ottiene il “il gol della bandiera” al 28’ con una conclusione ravvicinata di Rapagnani. Al 41’ il vistoso poker dei fidardensi con una rete di Berardi. La Civitanovese dice addio alla Serie D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *