CAMERINO – CIVITANOVESE 0-2. I ROSSOBLU VOLANO ALTO

CAMERINO (4-4-1-1): Tafa; Romoli, Occhipinti, Alessandrini, Colonnelli; Crescinbeni (40’st Aquili), Thiam, Cottini (29’st Onesini), Montanari; R. Santoni (20’st F. Santoni); Iori. A disposizione: Grelloni, Pallotti, Vitali, Di Pillo, Cataluffi, Salvi. All. Matteo Ruffini
CIVITANOVESE (4-4-2): Testa; Armellini, Martins (1’st Dutto), Carafa, Federico; Vechiarello, Emiliozzi (1’st Rodriguez), Veccia, Miramontes; Ribichini (27’st Galdenzi), Garcia (18’st Ferrari). A disposizione: Lorenzetti, Milanesi, Escobar, Smerilli, M. Salvati. All. Davide De Filippis
RETI: 19’pt Garcia, 44’st Miramontes
ARBITRO: Alessandro Ferretti della sezione di Jesi; assistenti: Gregorio Maria Galieni diAscoli Piceno e Stefano Allievi di San Benedetto del Tronto.
NOTE: 400 spettatori; Ammoniti: Martins, Occhipinti, R. Santoni, Thiam, Galdenzi, F. Santoni. Recupero +2’ +4’

RETI: 19’pt Garcia, 42’ st Miramontes.

NOTE: 400 spettatori; Ammoniti: Martins, Occhipinti, R. Santoni.
Camerino – Faremo seguito con i cenni di cronaca, ma l’aspetto più importante della penultima giornata sono diversi per cui è bene fare una valutazione sulla situazione che si è determinata ai vertici della classifica riconoscendo il giusto merito al Valdichienti Ponte, che il 25 aprile prossimo sarà di scena al Polisportivo per lì’ultima tappa del campionato, per il festoso accesso in Eccellenza. L’Atletico Ascoli ha confermato il suo ottimo secondo posto e la Civitanovese si colloca meritatamente al terzo, con la matematica certezza di entrare nella fase dei play off dal momento che non è più raggiungibile dalla sesta formazione, il Monturano, che si è vista respingere il reclamo per la sconfitta di Montalto, e può solo raggiungere al quinto posto l’Azzurra Colli, che vanta però nei suoi confronti il vantaggio degli scontri diretti. La decisione definitiva della griglia dei play off si deciderà perciò nell’ultimo turno di campionato: al momento attuale le due formazioni che faranno parte della finale del girone B, scaturiranno dagli scontri diretti: Atletico Ascoli – Azzura Colli e Civitanovese – HR Maceratese: qualora al termine dei tempi regolamentari dovesse persistere il risultato di parità verranno disputati due tempi supplementari; persistendo ulteriore parità risulterà vincente la squadra che gioca in casa, o che deve ritenersi tale.
Ritornando per un attimo alla gara che si svolta al Livio Luzi di Camerino, la Civitanovese, bene impostata da De Filippis, è stata praticamente padrona del campo con qualche affondo dei padroni di casa e un plauso va ai due goleador, Garcia che raggiunge quota quattro delle reti segnate e il capitano Miramontes che porta il quoziente a sei reti alle spalle solo di Ribichini che guida la graduatoria con dodici marcature.
AGGIORNAMENTO
LA CRONACA
Nell’uggioso pomeriggio camerinese, i locali si presentano con un abbottonato 4-4-1-1 con Riccardo Santoni alle spalle dell’unica punta Iori. Mister De Filippis risponde propendo il suo, ormai, consueto 4-4-2 con Testa al posto di Lorenzetti tra i pali ed Emiliozzi al posto di Rodriguez in mezzo al campo.
Dopo un quarto d’ora di studio tra le due squadre, al 14’ Ribichini scatta sul filo del fuorigioco, Miramontes lo serve con un perfetto assist ma, a tu per tu con Tafa, viene fermato per offside dall’assistente (signor Allievi). Una chiamata che lascia grandi perplessità. La Civitanovese non si lascia distrarre dalle proteste e 4 minuti più tardi passa in vantaggio. Ribichini stavolta veste i panni del rifinitore e imbuca per Garcia che, a tu per tu con Tafa, lo supera con un delizioso cucchiaio.
La risposta locale arriva al 41’. Sugli sviluppi di un calcio di punizione la palla resta in area il primo ad avventarsi sul pallone è Alessandrini che prova la girata ma Testa non è d’accordo e respinge il tentativo locale con una gran parata.
Nella ripresa mister De Filippis inserisce l’estroso Rodriguez e passa la 4-3-1-2. La Civitanovese amministra la gara con grande diligenza e si difende con grande ordine, tant’è che le uniche occasioni dei locali arrivano soltanto dai calci piazzati.
Al 65’, sugli sviluppi di una punizione, arriva l’occasione più grande per il pareggio del Camerino. Ancora una volta è Alessandrini a sfiorare il goal con un colpo di testa che sorvola di poco la traversa.
Scampato il pericolo la Civitanovese torna padrona del gioco ma non riesce a chiudere la gara e negli ultimi minuti sale la tensione. La tensione viene però sciolta da capitan Miramontes che all’89’ si fa trovare al posto giusto nel momento giusto e spinge in rete il perfetto assist di Ferrari (subentrato a Garcia al 63′) siglando il goal dello 0-2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *