BUFALE A CINQUE STELLE

Nella polemica sulla Croce verde feriti e contusi in casa grillina. Ci sarebbe voluta tutta la competenza di cui sono capaci gli operatori dell’emergenza per applicare bende e cerotti alla comitiva dei pentastellati di Civitanova, scivolata sull’ennesima topica. Sono a andati per suonarle e sono tornati suonati. La débâcle grillina, di sostanza e di immagine, nasce con il caso (inventato) della mancata corresponsione alla Croce Verde dei gettoni di presenza che, i loro consiglieri Pucci ed Emiliozzi, avevano per il 2102 deciso di devolvere all’associazione. Parte l’attacco all’amministrazione e l’accusa è aver bloccato 10 mila euro per cinque anni. Una bufala a 5 stelle. Spuntano fuori mandati di pagamento con le date e le somme versate alla Croce Verde, si scopre che anche le cifre fornite erano sparate a caso e la conclusione è che una parte della somma non è stata versata perché i grillini non l’hanno ritirata. La colossale figuraccia porta soprattutto la firma del ventriloquo del M5S a Civitanova, quel Fabio Bottiglieri bocciato in tutte le competizioni elettorali a cui si è presentato, ma che guida come un guru il movimento civitanovese, dove per lo più gravitano esponenti affetti da mutismo. Come i consiglieri Pucci ed Emiliozzi, che non si sono sentiti in dovere di dire una sola parola sulle falsità che a nome loro ha spacciato alla città Bottiglieri e il candidato Sindaco Mei (come prima uscita non c’e’ male). Di correttezza e trasparenza si muore quando sono vuoti principi da web. Poi ci sono le carte, i mandati di pagamento, le determine. Atti che hanno seppellito la falsa polemica grillina. Chiamate l’ambulanza, in casa 5 Stelle c’è bisogno di rianimare la verità.

2 Responses

  1. fabio bottiglieri ha detto:

    Chi sono i responsabili editoriali di questo “giornale” e quali recapiti di contatto hanno ?
    Grazie

    civitanovalive@libero.it

  2. Giobbe ha detto:

    Faziosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *