AUMENTI ESAGERATI DELLE BOLLETTE ACQUA. SI PAGA 1.400.000 € IN PIÙ IN DUE ANNI. LA RESPONSABILITÀ DEL SINDACO

Bollette dell’acqua, stanno arrivando salassi nelle case dei civitanovesi. Per alcuni utenti gli aumenti sfiorano il 40% rispetto alle somme fin qui pagate. Una stangata che colpisce le famiglie e provocata dalla decisione presa dai Sindaci dell’Ato 3, e avallata dal sindaco di Civitanova, di uniformare la tariffa su tutto il territorio gestito dall’ambito idrico attraverso l’aumento applicato addirittura in maniera retroattiva su tutto il 2018. Per Civitanova si è tradotto in un salasso di 1.400.000 euro in due anni che si sta ripercuotendo pesantemente sulle tasche dei cittadini chiamati a versare ben 621.000 € in più per il 2018 (la quota retroattiva) addebitata sulle bollette che stanno arrivando, a cui ne seguiranno altre, calcolate sui consumi del 2019 e che incideranno con aumenti pari o maggiori fino a raggiungere quota 809.000 mila euro che sempre le famiglie dovranno versare. Civitanova è il Comune che paga il prezzo più alto alla politica tariffaria avallata da Ciarapica che finisce nella bufera. Ci fanno pagare il fatto che avevamo le tariffe più basse di tutti i comuni. Mentre le salate bollette idriche piovono sui civitanovesi, inviate dall’Atac senza nessuna spiegazione riguardo ai rincari retroattivi, il sindaco prova a scaricare sull’Ato la responsabilità di decisioni che lui non ha mai contestato, semmai avallato con delibere e in riunioni tecniche e politiche a cui il Comune ha partecipato collaborando a definire la tariffazione unica. In pratica su 46 Comuni tutti diminuiscono la tariffa mentre noi la dobbiamo aumentare per sopperire alle diminuzioni degli altri. Incredibile ma vero. A frittata ormai fatta, e con la questione degli incredibili aumenti tariffari sollevata dai cittadini, a Ciarapica non resta che tentare di bloccare la retroattività dei salassi tariffari, come proposto dal PD, per tamponare gli effetti di questa assurda, inconcepibile è inaccettabile manovra. Se non verrà bloccata la retroattività è stata annunciata l’organizzazione con le famiglie di una class action, una azione legale collettiva.

1 Response

  1. Gabriele ha detto:

    Tra un po vengo a casa casa tua a prendere l acqua carissimo sindaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *