ATAC CIVITANOVA ED ESTRA ENERGIE: UN SOLIDO C0NTRATTO DI COLLABORAZION PER GAS MARCA

Un patto di impegno reciproco quello che è stato posto alla base dell’accordo fra Atac Civitanova e la Estra Energie per il passaggio delle 49% del capitale sociale di Gas Marca alla multi utility toscana, tra le prime in Italia nel settore dell’energia, ufficialmente presentato nel corso di una conferenza stampa che ha visto la presenza dei vertici delle strutture interessate e del sindaco Tommaso Claudio Corvatta. Della Estra è intervenuto il presidente dott. Francesco Macrì, l’ATAC è stata rappresentata dal presidente, avv. Francesco Mantella e dall’amministratore delegato, rag. Sergio Cognigni, della Gas Marca sono intervenuti il presidente, avv. Alessandro Vallesi, l’amministratore delegato dott. Francesco Verniani e il consigliere dott. Stefano Sampaolo.
In tutti gli interventi è emerso che il nuovo assetto societario di Gas Marca, genererà numerosi vantaggi per l’azienda municipalizzata e per gli utenti: ottimizzazione sul fronte dei costi, miglioramento dei servizi, nuovi prodotti, competitività delle soluzioni offerte e possibilità di adottare le buone pratiche di Estra. In un mercato che spinge sempre più verso le aggregazioni, l’ingresso di Estra Energie permetterà alla nuova Gas Marca e all’ATAC Civitanocva, di incrementare il fatturato e acquisire un crescente numero di clienti, anche attraverso la fornitura di energia elettrica, così da rendere la società di vendita ancora più forte e competitiva sul territorio ed ancor più vicina è pronta a rispondere alle esigenze dei cittadini. La Gas Marca continuerà a essere caratterizzata da un forte radicamento sul territorio di riferimento, attraverso una particolare attenzione ad un rapporto costante personale con i propri clientii,. Rassicurante il fatto che i cinque uffici aperti al pubblico, resteranno infatti aperti per fornire assistenza e informazioni, continuando a garantire la grande efficienza dei servizi. Il nuovo consiglio di amministrazione avrà il compito di guidare la moltiutility .marchigiana, che attualmente conta 16.000 clienti gas, in una fase di rafforzamento di crescita che partirà proprio dal settore della vendita di energia elettrica. Gas Marca, in base all’accordo siglato tra fra Atac Civitanova ed Estra Energie, cederà il restante 51% del proprio capitale sociale a quest’ultima nell’arco dei prossimi cinque anni. Questo importante passaggio di proprietà acconsente a Gas Marca di entrare a far parte di un gruppo industriale solido, di rilevanza nazionale e in forte crescita.
Saluti iniziali di Cognigni cha ha evidenziato il percorso seguito nel bando di gara “avvenuto – ha precisato – in termini di trasparenza”. Gli ha fatto seguito il presidente Mantella, per il quale “l’accordo raggiunto – ha detto – è per noi è una fonte di soddisfazione e anche di orgoglio perché siamo riusciti a coniugare quelle che erano e sono le prescrizioni di legge, relativamente alle dismissioni di alcuni “asset” commerciali detenuti dai comuni, anche attraverso le società municipalizzate, e l’avvio di una partnership. molto importante e di cui andiamo molto fieri e orgogliosi, Da mettere in evidenza il fatto – ha aggiunto – che nei primi incontri che ci sono stati con la Estra, abbiamo percepito la disponibilità e una grande comunione di finalità commerciali e di investimento”.
Per l’Atac Civitanova, il presidente Vallesi ha espresso la soddisfazione per quanto è stato fatto e ha rivolto il ringraziamento agli amministratori per quanto hanno portata avanti la struttura negli ultimi anni.
Valutazioni positive anche da parte del presidente dell’Estra, Macrì, il quale ha ammesso che era a conoscenza dell’attività portata avanti dall’azienda civitanovese “che vende i suoi prodotti – ha sottolineato – non solo a Civitanova Marche, ma a Potenza Picena, Montecosaro, Grottammare, Porto S.Elpidio, per cui avevamo già tracciato una linea di espansione importante in una zona limitrofa della città. Chiaramente oggi con il nuovo socio, importante per il finanziariamente e per l’esperienza, divengono concrete le intenzioni di espansione che ha dimostrato e di conseguenza rendono possibile i tempi di realizzazione di certi programmi e investimenti”. Macrì ha anche messo in evidenza il fatto che la Estra crede nei territori e nelle aziende ben radicate nello stesso: un’azienda nazionale, dunque, con caratteristiche territoriali. Da tenere inoltre contro che l’Estra è ben presente nelle Marche, oltre che in tutta la Toscana. con aziende consorelle che condividono con loro la medesima origine pubblica, fatto questo che tranquillizza l’utenza.
Nel saluto del sindaco Corvatta, la presa d’atto che le risposte che sono venute danno sufficienti garanzie sul fatto che nel passaggio “il patrimonio del Gas Marca – ha sostenuto – non andasse perduto”, ritenendo valida la partnership che sarà portata avanti.
Sono state fatte precisazioni da parte di Cognigni sulla regolarità delle procedure seguite nel bando e i vantaggi che ne sono derivati con un introito di dodici milioni di euro, in luogo dei dieci richiesti sulla base delle perizie eseguite. Valutazioni amministrative e tecniche anche da parte del nuovo amministratore delegato di Gas Marca, Francesco Verniani, per il quale nella vicenda c’è stato il massimo rispetto delle leggi e il fatto che da questa operazione si viene a risolvere la situazione economica dell’azienda pubblica della città, che oggi non solo si lascia alle spalle tutta una serie di preoccupazioni, ma guarda con fiducia al futuro.
Nella foto (da sinistra): Vallesi. Corvatta, Macrì, Mantella, Cognigni.(Vittorio De Seriis)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *