ASTERISCHI ROSSOBLU

Marta Bitti e la Chiabotto

A parte la vittoria, ugualmente bella e importante, nonostante il risultato possa farla apparire condita di difficoltà, il fatto della giornata che non va trascurato è il significato di quel grande striscione “Civitanovesi” che è apparso in quello spazio della gradinata, che i supporter della Civitanovese chiamano Curva Nord. Sta di fatto che i quattro gruppi del tifo rossoblu: Curva Nord, Sconvolts, Brigate Rossoblu e Gradinata Sud (l’ordine dell’elencazione è dovuta al caso) hanno superato quelle che possono essere state le incomprensioni più o meno recenti, e si sono uniti “SOTTO UN UNICO NOME”.. Un aspetto politico e sportivo di non trascurabile valenza: politico perchè si possono avere idee diverse, ma nei momenti decisivi bisogna avere l’intelligenza per superare le proprie opinioni, sportivo perchè “l’insieme” è più importante del singolo apporto. Da non trascurare poi il fatto, come ha accennato lo sportivissimo assessore allo sport, Piergiorgio Balboni, una delega con colori rossoblu che gli sta a pennello, ritiene proprio che a questo punto è veramente coerente costruire una curva, come quella che qualcuno ancora ricorda. A quei tempi però il Polisportivo era un bijou di spettatori e colori, ma le premesse adesso ci sono e allora vale la pena crederci.

* * *

Nella tribuna centrale, luogo d’incontro di vip, tecnici, osservatori e cronisti accreditati, ci sono altre persone interessanti e una di queste è la signora Monica Canestrari che da almeno tre anni non disdegna trascorrere, con il marito, le domeniche al Polisportivo, un po’ perchè il calcio le piace, un altro po’ perchè è parte attiva di quel “Beauty Suisse – Soluzione Estetica”, uno degli sponsor della Civitanovese. Collaboratori perciò preziosi per la società. La signora Monica è una specialista nutrizionale, per cui si occupa di estetica e di diete tisanoreiche, che, da quanto abbiamo potuto apprendere, riducono la massa grassa delle persone senza compromettere la tonicità dei tessuti, ma soprattutto senza fatica e senza rinunciare al gusto. Una collega, l’attivissima Manuela, si dice entusiasta dei consigli ricevuti su questa particolarità dietetica e applicati. Della struttura fisica delle persone perciò, la signora Monica, se ne intende e come. E i giocatori? “In linea di massima non hanno bisogno di particolari attenzione alimentari – sostiene – anche se qualcuno può migliorare la propria fisicità”. Ma dei giocatori sa cogliere anche la loro bravura tecnica e perciò finisce con il vivere intensamente l’andamento delle partite e gioire per le prodezze dei rossoblu. Inoltre, suo figlio Tommaso sta crescendo nel vivaio della Civitanovese e fa parte della categoria Esordienti e perciò lei è già una sua tifosa e lui una promessa del calcio

* * *
Ogni società di calcio è una sorta di mosaico in cui ogni componente ha la sua importanza. Una tessera che ci riguarda da vicino è quella rappresentata dall’addetto stampa, che nel caso della Civitanovese è una attivissima collaboratrice, ovvero la dr.ssa Marta Bitti, che di calcio se ne intende anche per precedenti esperienze. Marta è il riferimento importante sia dei cronisti che del sito della Civitanovese per cui è prodiga di informazioni sia per quanto riguarda la vita interna della società, sia per quanto riguarda l’andamento degli incontri, in modo particolare quelli esterni.
Marta non ha un grande altezza, ma si difende calzando tacchi dal n.8 in su, sui quali si muove a suo agio. L’unica volta che può essersi sentita un po’ in difficoltà è stata quella dell’incontro con l’ex miss Italia, Cristina Chiabotto, che, senza tacchi, raggiunge l’altezza di 1,81 cm., in occasione dell’inaugurazione di “Scarpe e Scarpe” nel centro commerciale Cuore Adriatico. Marta si è disinvoltamente avvicinata a quella “stangona” e le due hanno posato per la foto che pubblichiamo. A proposito, Marta è juventina e il suo idolo calcistico è Roberto Baggio. Commento finale: piccola sì, ma tanto, tanto brava e carina.
2014-15 - Ultras locandina

1 Response

  1. U/C ha detto:

    le Brigate Rossoblu nonprendono parte allo striscione unico. sono e saranno per sempre un gruppo autonomo. il che guevare è stato ereditato dagli anno 80 dal cucn e simbolo indelebile della curva civitanovese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *