ASTERISCHI ROSSOBLU

Bresciani figurina

La Civitanovese è tornata a vincere al Fadini di Giulianova dopo una trentina di anni: difatti l’ultimo successo risale alla quindicesima giornata del girone di ritorno del campionato 1984-85 in C2 quando i rossoblu si imposero per 2-1. Dalla stagione 1978-79, che segna l’inizio della pubblicazione “Arcobaleno Rossoblu”, le due formazioni si sono incontrate ventitrè volte a vari livelli di C1, nel campionato 1980-81, varie volte in C2 e in serie D. Il bilancio dei risultati, sempre riferendoci al Fadini, sono stati sufficientemente positivi per i rossoblu che hanno pareggiato 8 volte e subendo solo 4 sconfitte. La vittoria di ieri sembra aprire un ciclo nuovo per la Civitanovese, ma è meglio essere prudente: il campionato è ancora lungo.

* * *
Ampia soddisfazione di mister Antonio Mecomonaco che aveva preparato la squadra in modo ottimale per una sfida che presentava delle difficoltà, compresa quella che poteva derivare dal cambio del tecnico. “Sono più che soddisfatto – ha dichiarato a fine gara il tecnico abruzzese – dal momento che la squadra ha giocato in modo intelligente e ha saputo attaccare quando era possibile, ottenendo meritatamente il vantaggio, per poi difendersi nella parte finale dell’incontro quando i padroni di casa dovevano necessariamente cercare di rimediare alla sconfitta che si stava profilando. Squadra all’altezza della situazione anche quando ci siamo venuti a trovare in inferiorità numerica, ma con qualche aggiustamento siamo riusciti a portare a casa un successo importante”. Tutto, lo possiamo confermare, come il tecnico aveva previsto e come il d.s. Muscariello aveva anticipato in merito al risultato. Questa volta, il simpaticissimo e bravo Daniele, ci ha proprio azzeccato

* * *

Il difensore Dani Ficola incapperà sicuramente nella squalifica in quanto è stato espulso per doppia ammonizione e in questi casi la penalizzazione è di una giornata. Sarà la seconda giornata di squalifica per il 17enne giocatore portorecanatese che ha anche due ammonizioni. Non è nostro compito valutare il comportamento dei giocatori in campo, ma quando un giocatore subisce durante la gara un’ammonizione deve cercare di fare il possibile per non incappare nella seconda dal momento che in quei casi scatta il cartellino rosso. Squalifica a parte, che dovrà essere scontata nella giornata successiva, la squadra si viene a trovare in inferiorità numerica e ciò può nuocere all’andamento della partita. Una tiratina d’orecchie?

* * *
Del direttore generale Giorgio Bresciani è stata ritrovata una figurina che lo ritrae con la magica maglia granata del Torino. Un bel ricordo per lui e un onore per la società di avere alla guida generale un esperto di quel genere. Dopo gli inghippi della passata stagione, Bresciani sta muovendosi davvero bene: con il ds Muscariello ha allestito una buona squadra, è stata creata una solida società alla quale va tutta la stima e la simpatia della città, ha realizzato con il suo impegno la nuova sede societaria. Risulta, poi, che nei giorni scorsi si è recato in Prefettura per chiarire l’antipatica vicenda del divieto di partecipazione dei tifosi rossoblu alle trasferte, che in appena otto giornate si è ripetuto due volte. E’ comprensibile come la stima dei tifosi nei suoi confronti stia crescendo in modo vistoso, per cui gli dobbiamo, tutti, la massima gratitudine.

1 Response

  1. pamy ha detto:

    Avanti così

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *