ARRIVANO RICHIESTE DI TASI E IMU NON DOVUTE. LA SEGNALAZIONE DI ALCUNI CITTADINI

C’è Posta per te… una raccomandata! E’ dal Comune di Civitanova.
Finalmente! Il Sindaco ha deciso di pensare ai cittadini: sarà un Voucher per il ritiro di mascherine, oppure un invito a fare tamponi gratuiti per i residenti…
Pensi che sia un’iniziativa che possa aiutare le famiglie in un periodo di emergenza economica e sanitaria… e invece NO! E’ il Comune – la Civita.s – che ti chiede di pagare tasse risalenti al 2015 (che andrebbero in prescrizione a fine anno), in particolare Tasi e Imu. E’ il cittadino che, in piena pandemia, deve dimostrare di non dover versare quella cifra e deve farlo recandosi presso gli uffici Civita.s a chiedese ragguagli e nella maggior parte dei casi, nel totale caos, si accorgono di aver scritto dati sbagliati, di aver assegnato abitazioni a persone che in realtà non sono proprietarie, ecc. ecc.. Oppure, a volte, bisogna anche andare all’ufficio delle entrate a richiedere la documentazione attestante il pagamento fatto.
Gli uffici Comunali sono nel caos più totale, scollegati dalla realtà! Come si può costringere il cittadino, spesso anziani, ad uscire di casa e recarsi in un ufficio pubblico per dimostrare di non dover pagare una tassa non dovuta e richiesta in maniera vessatoria a mezzo raccomandata a causa dei loro errori. E non si ha neppure la sensibiltà di capire che il momento per molte famiglie è drammatico e che piuttosto che chiedere soldi bisognerebbe elargire aiuti.
Questo farebbe un buon amministratore!
L’unica speranza è che si tratti di casi isolati, altsimenti sarebbe davvero grave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *